rotate-mobile
Lunedì, 26 Settembre 2022
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tromba di un dottore veronese nell'inno dei medici contro il coronavirus

Marco Caminati, ricercatore nel dipartimento di medicina dell'ateneo scaligero, si è unito ad altri colleghi di tutta Italia per comporre un brano sulle note de «Il mio canto libero»

Un video musicale per raccomandare ai cittadini di restare a casa. La particolarità è che a realizzarlo è stata la Federazione italiana delle società medico scientifiche (Fism), con il patrocino del Ministero della Salute, grazie al contributo di medici specialisti, che sono anche musicisti e cantanti. Pur impegnati in un momento così difficile, gli interpreti di questo «Inno dei medici contro il coronavirus» hanno voluto trovare il tempo, tra un turno e l'altro, per prendere gli strumenti in mano e rilanciare l'invito più importante di questi giorni.

Del gruppo fa parte anche il dottor Marco Caminati, ricercatore nel dipartimento di medicina dell'Università di Verona, che ha messo a disposizione dell'ensemble di medici la sua esperienza di trombettista. Il testo è stato scritto appositamente per loro dal maestro Giulio Rapetti Mogol che ha rivisto le parole originarie del classico della canzone italiana «Il mio canto libero» di Lucio Battisti.

È così nata l'idea di interpretare la canzone, ovviamente a distanza, mettendo a valore le capacità musicali di tanti professionisti delle corsie di tutta Italia per sottolineare come il difficile lavoro negli ospedali debba essere sostenuto dall'impegno di tutti. Ne è nato un inno che, pur nella fatica, non abbandona la speranza. Come recita il testo «adesso resta a casa, esci solo a far la spesa… domani un nuovo giorno sarà».

L'aspetto originale di questa iniziativa - ha spiegato Caminati - è che è stata realizzata interamente da un piccolo gruppo di medici musicisti e cantanti, che non si conosceva prima, e ognuno a distanza, nel pochissimo spazio libero in ospedale o da casa, in tempo record, ha inviato il proprio contributo di musica e canto, registrato con il cellulare. Complice un sapiente mixaggio delle tracce, ne è nato un vero e proprio inno, un piccolo miracolo insomma, che ci ha permesso di "distrarci" un po' e di veicolare qualche messaggio e qualche emozione.

Il video del brano è stato pubblicato anche sul sito del Ministero della Salute.

Sullo stesso argomento

Video popolari

Tromba di un dottore veronese nell'inno dei medici contro il coronavirus

VeronaSera è in caricamento