Infortuni sul lavoro in calo: in agricoltura il maggior numero di mortali

I dati diffusi dall'Ulss 9 Scaligera sui risultati conseguiti dallo Spisal, vedono scendere i casi nella provincia scaligera, mentre proseguono le iniziative e i progetti indirizzati verso la prevenzione

La sicurezza sui luoghi di lavoro è spesso al centro dell'attenzione, soprattutto a ridosso di eventi tragici che possono portare gravi conseguenze per le persone coinvolte. Così l'Ulss 9 Scaligera ha reso noti i principali risultati conseguiti dal Servizio Spisal per contrastare gli infortuni sul lavoro, ma anche le molteplici iniziative avviate e in fase di partenza nel nostro territorio.
Su questo tema, l'azienda sanitaria già dal 2009 ha istituito un tavolo istituzionale specifico, il Comitato Provinciale di Coordinamento, formato da: Ulss 9, Inail, Inps, Arpav, Ispettorato Territoriale del Lavoro, Vigili del Fuoco e parti sociali (Organizzazioni datoriali e Associazioni sindacali). Il comitato si riunisce periodicamente nel corso dell'anno, con lo scopo di analizzare il fenomeno e programmare gli interventi di prevenzione, migliorare l’efficacia dei controlli, congiunti o coordinati, e razionalizzare gli interventi, evitando sovrapposizioni e duplicazioni di interventi e sostenere le imprese del territorio.

Infortuni sul lavoro

Gli infortuni, nella nostra provincia, sono in calo in questi anni. Restando sui dati ufficiali Inail, il numero di infortuni sul lavoro denunciati nel 2016, (ultimo dato disponibile), è stato pari a 15.991. Di questi l’Inail ne ha riconosciuti quasi il 50%, cioè 7.392.
Se parliamo di infortuni gravi (infortuni che comportano un'assenza dal lavoro superiore a 40 giorni o con postumi successivi) nel 2016 ne sono stati registrati 1.598.
Ci si infortuna di più neI comparto dei Servizi con 1.673 infortuni ogni anno (media nel triennio 2014-2016), il quale però conta anche il maggior numero di addetti, e poi nelle Costruzioni, nella Metalmeccanica e in Agricoltura.
Gli indici di gravità (rapporto degli infortuni gravi sul totale infortuni riconosciuti) invece ci indicano che i comparti più a rischio sono i Trasporti, Agricoltura e Costruzioni, con un indice che arriva al 31% (Agricoltura e Trasporti).

Infortuni mortali

Nella nostra provincia negli anni gli infortuni mortali registrano una continua variabilità. Nell’anno 2017 gli infortuni mortali sul lavoro sono stati nove (dati del Centro Regionale Epidemiologia Occupazionale P.R.E.O. della Regione del Veneto), ma nel conteggio sono esclusi quelli stradali ed in itinere1
Il settore con maggiore accadimento è l’Agricoltura con sette infortuni: quasi sempre si è trattato di un coltivatore diretto che è rimasto schiacciato a seguito del ribaltamento del mezzo e quasi sempre perché non aveva attivato i dispositivi di protezione (arco di protezione e cinture di sicurezza) presenti sui trattori.
Un infortunio mortale è stato inoltre rilevato nel comparto dei trasporti e uno nel comparto della Metallurgia.
Se nella nostra provincia osserviamo i dati in un arco di tempo più lungo, si può notare che dal 2011 al 2018 il 52% degli infortuni mortali (28 su 54 rilevati) sono avvenuti in agricoltura, il 20% in edilizia (11 su 54)  il restante negli altri comparti.
Questi eventi, considerato la bassa numerosità statistica e la loro casualità, non sono però sufficienti ad inferire sulle condizioni di sicurezza degli ambienti di lavoro. Per avere un reale tasso di incidenza sul lungo periodo, il numero degli eventi dovrebbe essere rapportato alle ore lavorate o quantomeno al numero di addetti esposti al rischio, ma tuttavia questi dati difficilmente sono reperibili in tempo reale.

1 Sono esclusi gli infortuni in itinere, quelli stradali e quelli occorsi agli studenti e alle colf e agli sportivi. Sono compresi anche quelli accaduti a lavoratori non assicurati INAIL e a lavoratori irregolari. I dati sono stati rilevati dalla pubblicazione curata dalla Regione Veneto “Rapporto sull’andamento degli infortuni mortali del quadriennio in corso Programma Regionale Epidemiologia Occupazionale (P.R.E.O.) Regione del Veneto” (link: https://www9.ulss.tv.it/Minisiti/spisal/epidemiologia.html).

Interventi di vigilanza: anno 2017

Lo Spisal nel 2017 ha effettuato 2.302 interventi di controllo in tutte le aziende. Il 23,4% delle aziende controllate ha ricevuto un verbale di prescrizione e, nella maggioranza dei casi, tali i verbali hanno riguardato le misure di sicurezza nei cantieri temporanei e mobili, a seguire, la sicurezza delle macchine, delle attrezzature e degli ambienti di lavoro.
Lo Spisal ha ispezionato 886 cantieri, trovandone 242 irregolari (il 27,3% di quelli controllati). Sono stati eseguiti accertamenti anche su 325 aziende agricole, di cui 71 sono risultate fuori norma (il 22%).

Interventi di vigilanza congiunta con Enti competenti

Nel 2017 sono stati eseguiti 107 interventi in vigilanza congiunta (Spisal con Ispettorato Territoriale del Lavoro ITL, Inail, Polizia Municipale, Carabinieri, Serv. Igiene Sanità Pubblica, Serv. Igiene Alimenti e Nutrizione ecc.) in taluni settori a maggior rischio di infortunio e di lavoro nero (agricoltura, costruzioni) o nei settori che richiedono una competenza trasversale (es. Ferrovie, lavori in ambienti confinati, cooperative di lavoro ecc.)

Indagini giudiziarie su infortuni2

Nel 2017 lo SPISAL ha effettuato 256 indagini per infortunio grave e mortale3 , in 44 casi (17%) l’indagine si è conclusa riscontrando responsabilità a carico del Datore di lavoro, dirigenti, preposti ed anche lavoratori.

2 Le inchieste per infortuni mortali e gravi (con prognosi superiore a 40 giorni e/o con postumi permanenti) e per malattie professionali (artt. 589 e 590 C.P.), sono attività istituzionali degli SPISAL per conto delle Autorità Giudiziaria che si concludono, di norma, con un rapporto. Le indagini per infortuni e malattie professionali sono svolte in genere mediante sopralluoghi, raccolta di informazioni testimoniali, controlli sanitari od altri atti di polizia giudiziaria.
3 Lo SPISAL interviene con pronta reperibilità su tutti gli infortuni mortali, gravissimi e gravi, su segnalazione del 118, Carabinieri, Polizia di Stato.

Iniziative e progetti avviati dallo SPISAL di promozione della salute e sicurezza

Il Servizio nell’ambito del Comitato Provinciale di Coordinamento ha avviato, o è in procinto di dare il via in quest’ultimo anno, numerosi progetti in materia di salute, sicurezza e di promozione della salute, orientati alle imprese e alle scuole. Questi i principali:

  • Bando di concorso pubblicoVerona Aziende Sicure 2.0”, che ha previsto un finanziamento di 355.498,34 euro rivolto alle Aziende, Enti, Associazioni, finalizzato diretto a progetti finalizzati alla promozione della salute, sicurezza e del benessere organizzativo negli ambienti di lavoro. Ventisette di questi sono stati finanziati e stanno concludendo i progetti di miglioramento.
  • Bando di concorso pubblico: “Verona aziende sicure 2.0: guadagnare salute”. Bando di concorso di prossima definizione per circa 500.000,00 euro destinato alle aziende, alle scuole alle organizzazioni dei lavoratori, ed Organismi Paritetici Bilaterali, sulla base di progetti finalizzati alla promozione della salute negli ambienti di lavoro. Prevista anche una iniziativa pubblica in materia di Work Health Promotion.
  • Bando di concorso pubblico di circa 980.000,004 euro diretto a realizzare progetti formativi in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro rivolti al mondo produttivo secondo le peculiarità territoriali e di comparto individuate a livello provinciale ed al mondo della scuola per la formazione dei futuri lavoratori e dei soggetti che svolgeranno ruoli di supporto professionale ai responsabili aziendali.
  • Tavolo tecnico per la salute, la sicurezza e la regolarità del lavoro nel settore delle costruzioni che ha visto la partecipazione degli Enti preposti, delle Associazioni, degli Ordini e Collegi professionali, e che ha portato alla realizzazione di un manuale “Sicurezza e regolarità del lavoro nei cantieri” di prossima pubblicazione e pubblicizzazione in un convegno specifico.
  • Prevenzione degli infortuni mortali da ribaltamento del trattore in provincia di Verona, con la realizzazione tra le altre iniziative, di un poster che analizza il rischio da ribaltamento e le condizioni e i requisiti necessari da rispettare. Il poster è in fase di massiccia divulgazione in tutto il Veneto e presso le Aziende agricole ed i Comuni della nostra Provincia.
  • Emersione delle malattie professionali nei lavoratori autonomi del comparto edile.
  • Progetto “Alternanza scuola lavoro” per la realizzazione di un portale on-line, gestito dalla Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Verona, in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto, l’INAIL, i Vigili del Fuoco, il Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole (SIRVeSS), sul tema dell’alternanza scuola lavoro e al fine di offrire agli studenti opportunità nel mercato del lavoro.
  • Progetto “promozione ed implementazione della cultura della sicurezza negli istituti tecnici ad indirizzo costruzioni, ambiente e territorio della Provincia di Verona”.
  • Promozione della cultura della prevenzione negli Istituti Agrari del Veneto. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Va allo Spi per un controllo: 70enne scopre che l'inps gli deve quasi 37 mila euro

  • Due nuove destinazioni dall'aeroporto Catullo di Verona per chi vola con easyJet

  • Protagonista del servizio di "Striscia la Notizia", aggredito e derubato in città

  • Illasi, non digerisce un commento negativo della suocera e l'accoltella

  • Auto con tre giovani a bordo finisce fuori strada e contro un albero: tutti morti sul colpo

  • Non ce l'ha fatta il 41enne coinvolto in uno scontro frontale a Isola della Scala

Torna su
VeronaSera è in caricamento