Colpito da infarto a Verona viene tenuto in vita da dei passanti guidati al telefono dal 118

Sempre sotto la guida della centrale operativa è stato utilizzato un defibrillatore che, provvidenzialmente, era presente in una farmacia a breve distanza

La farmacia in via Erice a Verona dove era presente il Dae

Nella giornata di oggi, sabato 24 agosto, un passante è stato sorpreso in via Erice a Verona da un improvviso arresto cardiaco. Erano circa le ore 15.25 quando l'episodio si è verificato. Secondo quanto riferisce il 118, alcuni astanti sarebbero prontamente intervenuti per prestare aiuto e avrebbero messo in atto le prime manovre rianimatorie, in particolare il massaggio cardiaco.

Nei pressi di via Erice si trova una farmacia, all'interno della quale era presente un defibrillatore. Quest'ultimo sarebbe stato dunque preso e, guidati telefonicamente dalla centrale operativa del 118, utilizzato dagli astanti che avevano in principio soccorso la persona colpita da arresto cardiaco.

Nel frattempo, sul posto sono riusciti ad arrivare i soccorritori con un'ambulanza e un'automedica. All'arrivo dell'ambulanza, il paziente aveva ripreso il battito cardiaco e gli operatori del 118 hanno potuto trasportare presso l'ospedale di Borgo Trento, in codice rosso, la persona colta dal malore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rischio Covid: regioni gialle, arancioni o rosse? In arrivo cambiamenti

  • Covid, ecco il "tampone multiplex": a Negrar un unico test per riconoscere tre diversi virus

  • Terapia anti-Covid scoperta dall'università di Verona, l'Fda la autorizza

  • Coronavirus: in Veneto 18 morti da ieri sera, Verona provincia con più casi attuali e decessi

  • Virus, il vaccino veronese fa sperare: «È ben tollerato e induce risposta immunitaria»

  • Veneto verso l'arancione? Come funziona il calcolo che divide le Regioni in aree di rischio

Torna su
VeronaSera è in caricamento