Ass. Padovani incontra allievi ufficiali militari ungheresi. Ripulite le tombe del cimitero

Ass. Marco Padovani presente presso il cimitero austro-ungarico: “Una cerimonia semplice ma significativa del legame di amicizia che unisce Verona con la comunità ungherese"

“Una cerimonia semplice ma significativa del legame di amicizia che unisce la città di Verona con la comunità ungherese, oggi rappresentata dai giovani allievi ufficiali dell’Accademia Militare Ludovica di Budapest e dagli studenti del Liceo Militare di Debrecen, in questi giorni in Italia. Qui sono sepolti giovani soldati caduti durante la prima Guerra mondiale, tra i quali anche molti veronesi. Un luogo di memoria, che deve ispirare sentimenti di pace e collaborazione tra i popoli europei, per un futuro migliore del presente”.

Così l’assessore Marco Padovani, a margine della cerimonia svoltasi ieri mattina al cimitero austro-ungarico in via Forte Procolo, in cui è stata deposta una corona in onore a tutti i militari caduti durante la prima Guerra mondiale. Presenti alla cerimonia il console generale onorario di Ungheria Lajos Pinter, il tenente colonnello dell’Esercito ungherese Demeter Attila, il vice presidente dell’Unione Nazionale Ufficiali in Congedo d’Italia- sezione di Verona Antonino Scalia e Massimo Galli Righi presidente di Agec, a cui fa capo la manutenzione del sito militare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Durante la mattinata, gli allievi militari sono stati impegnati nella pulizia delle tombe presenti nel cimitero, lavoro sociale che hanno svolto anche in altri luoghi sacri visitati durante il loro pellegrinaggio in Italia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, in vigore la nuova ordinanza firmata da Zaia: cosa cambia a Verona

  • Coronavirus in Germania, la testimonianza di un veronese: «Niente quarantena e allarmismo in TV»

  • «A Verona 140 mila quintali di fragole da raccogliere: servono 3 mila lavoratori»

  • Coronavirus, nuovi casi positivi a Verona ma rallentano ricoveri e decessi

  • Da Brescia a Verona, per 15 dottoresse ed infermiere "future spose" in regalo la torta

  • Meno malati di coronavirus negli ospedali veronesi, ma altri 4 decessi

Torna su
VeronaSera è in caricamento