Verona capitale italiana della cultura 2021, incontro tra Sboarina e Orlando

Il sindaco scaligero ha incontrato il primo cittadino dell'attuale capitale italiana della cultura, Palermo. Sboarina: "Progetto di cambiamento culturale atteso da tempo dalla nostra città"

Il sindaco dell'attuale capitale italiana della cultura insieme a un sindaco che vorrebbe candidare la propria città e renderla capitale italiana della cultura nel 2021. L'incontro si è tenuto ieri, 17 aprile, in fiera a Verona. Da una parte Leoluca Orlando, sindaco di Palermo, e dall'altra Federico Sboarina, sindaco di Verona. E l'appuntamento è stato proprio la conferenza stampa che ha avuto come titolo Palermo capitale italiana della cultura 2018.

Come evidenziato dal sindaco Orlando - ha dichiarato Sboarina - tutto inizia dalla costruzione di progetti in grado di generare una rafforzata identità culturale del proprio territorio. La candidatura di Verona a capitale della cultura per il 2021 non è per noi il risultato finale a cui tendere, ma il punto di partenza che ci consentirà di realizzare, partendo da oggi, quel progetto di cambiamento culturale atteso da tempo dalla nostra città. Infatti, il vero cambiamento non arrivano dall'oggi al domani, ma è frutto di idee e di progetti importanti e duraturi nel tempo, in grado di avvicinare e far lavorare insieme le forze migliori della nostra città. Ne è un esempio la recente riorganizzazione del sistema museale veronese, che ci porterà alla realizzazione di proposte espositive nuove, volte ad una complessiva rivalutazione delle ricchezze artistiche veronesi.

orlando_Sboarina_incontro-2

Federico Sboarina è dunque in sintonia con le forze, anche di opposizione, che spingono affinché Verona diventi capitale italiana della cultura nel 2021. E il consiglio del critico d'arte Vittorio Sgarbi di evitare la competizione perché Verona è già bella così, senza bisogno di titoli o etichette aggiuntive, non verrebbe quindi ascoltato dall'attuale amministrazione cittadina, amministrazione che Sgarbi aveva pure sostenuto in campagna elettorale.

Non c’è città al mondo che negli ultimi 40 anni sia culturalmente cambiata come Palermo - ha sottolineato Orlando - un cambiamento che ha interessato nel profondo il modo di pensare dei cittadini palermitani e con esso il valore stesso della città. Per raggiungere l'obiettivo della nomina a capitale italiana della cultura bisogna in primis costruire un progetto valido su cui orientare il proprio percorso di cambiamento e crescita. Lo scopo non deve essere solo quello di diventare un simbolo italiano della cultura ma, per il bene della propria città, costruire una realtà nuova che, comunque vada, rimarrà a favore della propria comunità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La città di Verona con le sue inestimabili meraviglie diventa protagonista in tv sulla Rai

  • A Verona la migliore escort dell'anno 2019: «Prima facevo l'aiuto cuoco»

  • Vince 75mila euro a L'Eredità e si taglia i capelli con Flavio Insinna

  • Possibili rischi per la salute, ritirato formaggio prodotto a Cerea

  • Donna morta annegata nella Bassa veronese: recuperato il cadavere

  • Omicidio a Verona: ammazza una 51enne e confessa due giorni dopo

Torna su
VeronaSera è in caricamento