menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Verona, ubriaco in auto tenta sorpasso e si schianta. Poi scappa dall'ospedale ma viene rintracciato

È successo un giorno fa, lungo la strada regionale 11, in corrispondenza del territorio di Sona. Un 25enne moldavo alla guida di una Ford Focus, compie una manovra azzardata nei confronti di una Fiat 500 con 22enne di Mantova al volante

Le notizie delle ultime ore sembrano sconfortanti, riguardo i casi di pirateria stradale. In realtà quasi tutti i casi degli ultimi anni hanno un responsabile. L’ultimo incidente è anche risultato il più grave. Una tragedia avvenuta in via Fenilon a Verona: uno scooterista di 27 anni è stato urtato dallo specchietto di un’auto e gli ha fatto perdere il controllo del manubrio facendolo schiantare contro un muretto fuori strada. Il giovane è deceduto sul colpo. L’auto ha proseguito nella sua corsa e le indagini per risalire all’identità del conducente sono tuttora in corso. E dopo poche ore sembrava che un altro “pirata” intendesse farla franca ma la polizia ha chiuso l’indagine in un batter d’occhio. Non senza complicazioni, però.

È successo un giorno fa, lungo la strada regionale 11, in corrispondenza del territorio di Sona. Verso le 18 un 25enne moldavo alla guida di una Ford Focus, tenta un sorpasso azzardato di una Fiat 500, con una 22enne di Mantova al volante. Il ragazzo però, forse offuscato dopo qualche bicchiere di troppo, non riesce ad evitare di scontrarsi con l’auto che sta sorpassando. Così la manovra diventa incidente e la Focus finisce fuori strada. Sul posto si dirigono gli equipaggi del 118 di VeronaEmergenza. Entrambi i guidatori finiscono all’ospedale e sottoposti agli esami del sangue, come d’obbligo in caso di feriti. Si scopre che il 25enne guidava mezzo ubriaco: 1,5 milligrammi di alcol per litro di sangue, tre volte più del consentito. Per questo sarà multato e denunciato. In attesa di altri accertamenti viene poi sistemato in una stanza ma, appena il controllo degli infermieri si allenta, il giovane scappa. I medici sono così costretti a chiamare il 113 e ad avvisare la polizia. Una pattuglia della Stradale sta ancora compiendo i rilievi quando arriva l’allarme fuga. Avviene tutto in poche ore, come spiega L’Arena

Partono le ricerche. Nella concitazione dell'evento il conducente aveva dimenticato sul sedile una valigetta con dentro dei documenti. In breve i poliziotti risalgono alla sua identità e scoprono che l'auto è intestata a un'amica del giovane che abita a Parma. Il fuggitivo viene rintracciato proprio nella città emiliana e denunciato per fuga e omissione di soccorso.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cultura

Gelaterie d’Italia: Gambero Rosso premia la veronese "Terra&Cuore" con Due Coni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    CBD: benefici e controindicazioni

  • Benessere

    Tremolio all’occhio, perché e come evitarlo

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento