Verona. Incidenti e tamponamenti: autostrade in tilt a Pasquetta con code lunghe chilometri

Una coppia che viaggiava in moto intorno alle 10 del mattino, sul tratto che da Soave conduce a Verona Est, ha scatenato una serie di tamponamenti, nei quali è rimasto anche coinvolto un giocatore di pallavolo

Foto inviataci da un nostro lettore sul posto

Quella del 2015 è stata una Pasquetta caratterizzata dalla grande affluenza di turisti, ma anche dalle grandi code, dai rallentamenti e dagli incidenti. Situazione molto complessa quella vissuta in particolar modo lungo le autostrade, che hanno visto diversi sinistri mandare in tilt il traffico. 

Il primo episodio si è verificato nel tratto autostradale tra Soave e Verona est intorno alle 10 del mattino, provocato dalla caduta autonoma di una coppia che viaggiava in moto in direzione di Milano. La donna seduta al posto del passeggero ha riportato la frattura di una spalla e intanto dietro le code hanno iniziato a formarsi e con esse sono arrivati anche i primi tamponamenti. In due distinti incidenti sono rimasti coinvolti undici veicoli, con otto persone ferite.
Il più grave è stato trasportato d'urgenza al Polo Confortini dagli uomini di Verona Emergenza: si tratta di Gonzalo Quiroga, 22 anni, pallavolista argentino che gioca nella Tonazzo Padova, formazione che milita in serie A1. L'atleta e un'anziana che viaggiava su un'altra auto coinvolta sono le due persone che hanno riportato le conseguenze più serie. Quiroga si trovava a bordo di una Polo insieme al cugino, quando sono stati tamponati e successivamente usciti dalla carreggiata: l'atleta è rimasto incastrato dentro l'abitacolo, poi una volta estratto e stabilizzato, è trasferito in prognosi riservata al Polo Confortini, mentre il cugino è rimasto illeso. I due erano diretti sul Lago di Garda.

Con il passare dei minuti, gli scontri sono proseguiti, bloccando di fatto il tratto autostradale. Sul posto i mezzi di soccorso sono arrivati sia da Verona che da San Bonifacio (dove sono stati accompagnati i feriti più lievi), oltre ai pompieri di Verona e Vicenza. Per circa tre ore quindi la Serenissima nel tratto tra Montebello e Soave è rimasta bloccata. Entrambi i caselli sono stati chiusi, mentre quello di Soave consentiva l'accesso solo a coloro che intendevano muoversi in direzione di Venezia. Per le migliaia di auto ferme la situazione si è sbloccata solo verso le 13, ma nel frattempo le vetture uscite dalla strada a pedaggio sono confluite su Porcilana, Statale 11 e tangenziali, intasando così che le arterie secondarie. 

Cento metri più a monte, al confine con il Vicentino, si è svolto anche il terzo tamponamento, che ha visto sette veicoli coinvolti e altrettanti feriti: tra questi la signora citata in precedenza. Intervenuta sul posto la Polstrada di Verona Sud, è stato possibile riaprire la sede stradale solo al termine dei rilievi di rito, con il casello di Soave tornato in funzione intorno alle 12.30, mentre il traffico ha ripreso il suo consueto scorrere alle 13.30. 

Intorno alle 16.30 un tamponamento in A4, tra Verona Est e Verona Sud, ha visto il coinvolgimento anche di Nico Lopez, attaccante dell'Hellas Verona. Il giocatore è stato portato per alcuni controllo all'ospedale di Borgo Roma ma le sue condizioni non hanno mai destato preoccupazione. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: l'Esu di Verona chiude «aule studio, ristoranti e zone pertinenti»

  • Coronavirus. Dopo il chiarimento della Regione, ecco cosa è ammesso a Verona e cosa no

  • Morto a 53anni sulla A22: forse un colpo di sonno la causa dello schianto

  • Incidente e incendio, un camion va a fuoco: traffico in tilt sulla tangenziale sud

  • Musicista torna in Molise da Verona: «Per il coronavirus, prevenzione bassa»

  • Lessinia e Valpantena, ci sono offerte di lavoro ma sono senza risposta

Torna su
VeronaSera è in caricamento