Giovedì, 24 Giugno 2021
Incidenti stradali Autostrada A4

Tamponata in A4, l'auto finisce in tangenziale: due donne ferite, una è grave

Coinvolte nell'incidente una Volvo e una Fiat 500, con la seconda che ha superato le barriere che delimitano l'autostrada finendo sull'altra arteria, fortunatamente senza coinvolgere nessun altro veicolo

Poteva avere conseguenze ben peggiori il grave incidente avvenuto nel pomeriggio di martedì in A4, che ha coinvolto anche la Tangenziale Sud. 

Poco dopo le 16 è avvenuto un tamponamento tra due auto, una Volvo e una Fiat 500, che ha portato la seconda a superare la delimitazione del tratto autostradale per piombare sull'adiacente tangenziale, nel tratto compreso tra San Martino Buon Albergo e San Giovanni Lupatoto, all'altezza del termovalorizzatore di Ca' del Bue. Fortunatamente nessun altro veicolo è stato coinvolto nell'episodio, mentre in soccorso del veicolo schizzato fuori dall'A4 sono arrivate due ambulanze e due automediche. A bordo c'erano due donne provenienti dalla provincia di Vicenza, da Arzignano e Montecchio, ed entrambe sono state portate in codice rosso all'ospedale di borgo Trento: la più grave risulterebbe essere la passeggera, classe 1965, che è stata portata via dopo il massaggio cardiaco dei santari; meno gravi invece sarbbero le condizioni della conducente, classe 1966, che nonostante le ferite riportate non verserebbe in pericolo di vita. 

Sul posto sono intervenuti gli uomini della Polizia Stradale, gli ausiliari dell'Autostrada e i vigili del fuoco, oltre al 118. Più che in A4, le ripercussioni sulla viabilità si sono fatte sentire sulla tangenziale, che è stata chiusa all'altezza di Ca' del Bue per permettere le operazioni di soccorso. 

Si tratta del terzo incidente avvenuto nella giornata di martedì sulle arterie autostradali scaligere, dopo quello avvenuto in A22 e quello tra Peschiera e Sirmione

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tamponata in A4, l'auto finisce in tangenziale: due donne ferite, una è grave

VeronaSera è in caricamento