menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Corso Porta Nuova, sbatte contro un motorino e travolge una donna: rintracciato dalla stradale

Un albanese di 31 anni, la sera di giovedì 11 aprile, ha perso il controllo del proprio furgone e dopo aver urtato un ciclomotore se ne è andato, lasciando la veronese ferita. Un passante però ha visto tutto e ha avvisato le forze dell'ordine

Ci sono grossi guai in arrivo per uomo di 31 anni di origini albanesi, che la sera di giovedì 11 aprile ha provocato un incidente in corso Porta Nuova e poi sarebbe fuggito nonostante una donna fosse rimasta ferita. 

L'uomo si stava dirigendo verso il centro con il suo furgone introno a mezzanotte, quando il mezzo ha iniziato a sbandare verso destra mentra si trovava all'altezza del civico 7. Il veicolo ha poi sbattuto contro un ciclomotore parcheggiato a lato della strada. Il due ruote ha po sbattuto violentemente contro una veronese che a sua volta stava salendo sul proprio motorino. Ma nonostante ciò, l'autista del furgone ha proseguito per la propria strada ignorando la donna ferita. 

Un attento passante però ha assistito alla scena e, prima di soccorrere la donna ferita giudicata poi guaribile in 7 giorni, ha preso appunti sulla targa del furgone. A questo punto è bastata una settimana agli agenti della polizia stradale per identificare il 31enne e denunciarlo per omissione di soccorso. Il furgone era di proprietà di una ditta di Castel D'Azzano e l'albanese, raggiunto dagli agenti, ha subito ammesso le proprie responsabilità. Ora, oltre al sequestro del mezzo, il pirata della strada rischia una sospensione della patente fino a cinque, come prevede il codice della strada.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cultura

Gelaterie d’Italia: Gambero Rosso premia la veronese "Terra&Cuore" con Due Coni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    CBD: benefici e controindicazioni

  • Benessere

    Tremolio all’occhio, perché e come evitarlo

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento