Nello scontro con il camion perse la vita una 48enne: autista a processo

L'incidente si verificò alla fine del 2018 a Chiampo e causò la morte di Raffaella Reniero di Nogarole Rocca. Nell'episodio rimase ferita anche la nipote 18enne, che si trovava in macchina con la donna

Le operazioni di soccorso durante l'incidente del 2018

Nel 2018 una 48enne di Nogarole Rocca, Raffaella Reniero, perse la vita in uno scontro mortale con un camion a Chiampo, nel quale rimase gravemente ferita anche la nipote, all'epoca 18enne. Un incidente sul quale è stato aperto un procedimento penale, che ha visto nel pomeriggio di venerdì celebrare l’udienza preliminare, al termine della quale il Gup, il dottor Matteo Mantovani, ha disposto il rinvio a giudizio per il reato di omicidio stradale per N.R., 24enne di Zimella autista del mezzo pesante coinvolto. Come riferisce VicenzaToday, i familiari della vittima, assistiti in questa fase da Giesse Risarcimento Danni, gruppo specializzato nei casi di omicidio stradale, attendono ora che il processo faccia definitivamente chiarezza su quanto successe quel drammatico giorno. 

L'incidente

Era la mattina del 15 dicembre 2018 quando Raffaela Reniero, che si trovava a bordo della sua Fiat Panda con la nipote, cercò di immettersi da via Privata Marmi nella trafficata via Pace, l’arteria che congiunge Chiampo ad Arzignano. Mentre effettuava la svolta, però, l’automobile sarebbe travolta dal camion guidato da N.R., che non riuscì ad evitare l’impatto e, dopo aver cercato un estremo tentativo di scarto a sinistra, colpì il lato sinistro del mezzo e lo trascinò per una ventina di metri. Inutili gli immediati soccorsi, con la donna deceduta praticamente sul colpo a causa dei gravissimi traumi riportati. Solo fortunatamente ferita, invece, la nipote che si trovava sul sedile del passeggero.

Le indagini

Il pubblico ministero Cristina Carunchio, incaricata delle indagini preliminari, ha prontamente raccolto i rilievi delle forze dell’ordine e incaricato il perito Stefano Fracaro della consulenza tecnica necessaria a chiarire la dinamica dei fatti. Come riferisce Giesse Risarcimento Danni, dall’analisi tecnica, coadiuvata anche dai periti esperti in ricostruzioni di incidenti mortali del gruppo, sarebbe emerso come la signora Reniero non avesse correttamente calcolato i tempi di immissione in via Pace, non dando quindi la precedenza al camion, ma soprattutto che lo stesso avrebbe percorso quella via, caratterizzata da molteplici attraversamenti pedonali e accessi ad attività commerciali, ad una velocità superiore ai limiti consentiti e inadatta ad un mezzo pesante.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Impossibile chiarire inoltre - evidenzia Roberto Oliviero di Giesse - come mai l’ostacolo fu visto dall’autista del camion solo ormai in prossimità dell’impatto, come evidenziato dalla mancanza di segni di frenata. Purtroppo ancora una volta ci troviamo a commentare un incidente evitabile - conclude Roberto Oliviero di Giesse - in cui una vita è finita e quella di una famiglia è tragicamente cambiata. Attendiamo ora la prossima udienza il 21 ottobre. Niente può dare sollievo a chi perde un familiare, ma speriamo almeno che questo ennesimo caso contribuisca ad innalzare sempre di più il livello di attenzione e prudenza di chi si mette al volante».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante veronese: "Chiuso.. fino a sepoltura del nostro amatissimo Giuseppe Conte"

  • Covid-19: peggiora la situazione a Verona. Sboarina preoccupato: «Ridurre spostamenti»

  • Cena all'alba da tutto esaurito in un ristorante di Verona: bollito e pearà alle ore 5.30

  • Senza patologie, 55enne morto per Covid. La moglie: «Questo mostro c'è»

  • Ripescato dai pompieri un cadavere nel fiume Adige a Verona: si tratta di una donna 55enne

  • Nuovo Dpcm, c'è la firma del premier Conte: stop servizio al tavolo nei locali dalle ore 18

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento