menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine generica

Immagine generica

Ricoverata dopo l'incidente in moto, Laura non ce l'ha fatta ed è morta in ospedale

La 53enne era rimasta vittima di uno scontro tra la moto condotta dal compagno con un'auto che li precedeva a Vo' Sinistro, al confine tra la provincia di Trento e quella di Verona, nella tarda mattinata di domenica

Si è spenta nel pomeriggio di martedì Laura Frate, la donna di 53 anni residente a San Massimo che domenica 19 luglio era rimasta coinvolta in un drammatico incidente motociclistico a Vo' Sinistro, al confine tra la provincia di Trento e quella di Verona. 
Come riferiscono i colleghi di TrentoToday, la donna si trovava ricoverata nel reparto di rianimazione dell'ospedale Santa Chiara, a causa delle gravi ferite riportate. 

Quel giorno Laura si trovava insieme al compagno, un 45enne di Sommacampagna, ed insieme stavano percorrendo la Statale 12 in sella ad una Bmw R1200, per un giro domenicale in Trentino. Poco prima dell'ora di mezzogiorno però, la Skoda station wagon che li precedeva, con a bordo altri due veronesi, avrebbe svoltato a sinistra, forse per raggiungere una piazzola di sosta, e il conducente della motocicletta non sarebbe riuscito ad evitarla. 
L'impatto è stato molto violento e la 53enne, sbalzata via, è atterrata sull'asfalto. L'automobilista a quel punto aveva lanciato immediatamente l'allarme e sul posto si erano precipitati gli uomini del 118 con ambulanza ed elicottero: dopo averle prestato i primi soccorsi, era stata trasportata d'urgenza nell'ospedale del capoluogo trentino, dove purtroppo è deceduta il 21 luglio. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Politica

Da Verona parte la crociata contro Sanremo, Castagna: «È diventato Sodoma e Gomorra?»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento