Incidenti stradali Via Pistore

Ipotesi malore per l'incidente costato la vita ad un uomo di 69 anni

Stava percorrendo un lungo rettilineo con la sua Vespa 125 Bruno Cacciolari, quando improvvisamente avrebbe iniziato a sbandare finendo anche contro il guard rail che costeggiano via Pistore a Sanguinetto

Un malore potrebbe averlo colto mentre viaggiava in sella alla sua Vespa 125, facendolo sbandare e finire a terra, dove si è spento nonostante l'intervento dei soccorritori. È questa l'ipotesi più accreditata sulle cause della morte di Bruno Cacciolari, il 69enne deceduto nella tarda mattinata di mercoledì in via Pistore, a Sanguinetto. 
Cacciolari abiatava Correzzo di Gazzo Veronese e si era recato nella vicina località per andare a trovare alcuni parenti. In tarda mattinata poi l'uomo si è diretto verso casa, ma mentre procedeva lungo il rettilineo avrebbe iniziato a sbandare, andando anche a sbattere contro il guard rail. Finito ai bordi della strada, con il mezzo dall'altra parte della carreggiata, l'uomo è stato soccorso da alcuni passanti, che hanno immediatamente avvisato il 118: il personale medico non ha potuto fare nulla e il 69enne è spirato sul posto. 
Sul luogo dell'incidente sono arrivati anche i carabinieri della stazione locale, che hanno dato il via ai rilievi del caso, esaminando anche i danni riportati dal ciclomotore. Secondo quanto appurato, Cacciolari non sarebbe stato un uomo avezzo alle alte velocità e al momento non risultano essere coinvolti altri veicoli. L'ipotesi di un tragico malore, resta dunque la più accreditata. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ipotesi malore per l'incidente costato la vita ad un uomo di 69 anni

VeronaSera è in caricamento