menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto Facebook: Luca Speranza

Foto Facebook: Luca Speranza

Luca, morto in un incidente in moto a 22 anni: "Non possiamo crederci"

Su Facebook il cordoglio degli amici del giovane morto martedì sera a Grezzana, a poche decine di metri da luogo in cui morì il padre in scooter: "Non puoi averci lasciati così ti prego dimmi che è uno scherzo ti prego"

 La comunità di Santa Maria di Zevio, come chiunque lo conosceva, è rimasta sotto shock per la prematura scomparsa di Luca Speranza, il 22enne che martedì sera ha perso la vita in un incidente motociclistico. 

Il ragazzo stava percorrendo la Strada Provinciale 6, di ritorno dalla Valpantena, quando ha perso il controllo della propria motocicletta, finendo giù per la scarpata che si trova oltre il guard rail, mentre il mezzo ha continuato a strisciare per diversi metri. I traumi subiti non hanno lasciato scampo al giovane centauro, nonostante il tempestivo intervento dei soccorritori, avvisati da un testimone che aveva udito il rumore dell'incidente. 
Un destino beffardo quello del giovane veronese, deceduto poco distante dal punto in cui perse la vita suo padre con lo scooter, nel 2006. Anche allora Luca c'era, era in sella con il papà in quell'uscita di strada, ma se la cavò con una gamba fratturata, come raccontano alcuni amici. 

Amici che anche su Facebook hanno voluto esprimere tutta la propria tristezza per la fine di un ragazzo arrivato troppo presto al capolinea della sua esistenza.
"Non so cosa dire mi si gela il sangue a pensarci a crederci....Luca.... nn puoi averci lasciati così t prego dimmi che è uno scherzo ti prego", "No Impossibile, non posso crederci", "Ma Luca... non è possibile, non ci sono parole. Mi rimarranno sempre impressi i tuoi video dove canti come Ligabue. Buon viaggio". Il rocker di Correggio, così come i motori e le due ruote, erano le grandi passioni del 22enne, come racconta il suo profilo Facebook e e i post lasciati da chi gli voleva bene. 
"E dovevamo farlo assieme quel giro in moto ieri sera... Tel ho sempre detto di non correre piu veloce di quanto il tuo angelo custode poteva volare. Mi mancherai,e ti porterò sempre nel mio cuore perché è cio che ci siamo promessi Sperry". Qualcuno fa anche riferimento all'incidente del 2006 in cui suo padre perse la vita: "Ciao carissimo...sei e rimarrai nei nostri cuori... Ci sarebbe molto da dire ma nn servirebbe x riportarti qui tra le persone che ti amano, la tua famiglia, i tuoi amici, i tui zii e cugini... Nn so se chiamarlo destino, fatalità,...stesso posto....come il tuo caro papà Roberto. Sorridi come eri...allegro e pieno d vita..da lassù Un bacione grande". Ed infine, altri promettono di omaggiarne la memoria, magari completando un lavoro iniziato insieme tempo prima o raggiungendo una meta programmata. "Stavo giusto pensando a quando noi 2 stavamo pensando di andare in moto in Austria 3 gg ad agosto... Le tue battute mi facevano ridere un sacco... ti prometto che in Austria ci andrò e in quel posto che dicevi lascerò un po' di te anche se mi guarderai da lassù...".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    Pasta di legumi: benefici e ricetta

  • social

    Aperti online i Casting dello Zecchino d’Oro

  • social

    L'Acqua in uno scatto: concorso a premi

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento