Finiscono fuori strada, rifiutano le cure e inveiscono contro gli agenti

Sono due marocchini di 39 e 52 anni, saliti in auto completamente ubriachi. Sono stati arrestati per resistenza, minacce e violenza a pubblico ufficiale

(Foto generica di repertorio)

Un incidente stradale seguito da violenze e minacce alle forze dell'ordine e ai soccorritori giunti sul posto. La conclusione non poteva che essere l'arresto per resistenza, minacce e violenza a pubblico ufficiale di due pregiudicati marocchini, il 39enne alla guida dell'auto incidentata e il passeggero 52enne.

I fatti sono avvenuti giovedì sera, 15 marzo, in via Palazzina tra Legnago e Cerea. Sull'auto viaggiano due uomini che hanno bevuto troppo e, successivamente, risulteranno anche positivi ai cannabinoidi, come riportato su TgVerona. In queste condizioni, è pericoloso mettersi alla guida e infatti il loro viaggio non dura molto. I due finiscono contro un albero e infine la loro auto si rovescia. Quando arrivano i soccorritori del 118, il 39enne e il 52enne sono fuori dalla vettura e rifiutano le cure, anzi inveiscono contro i sanitari e danneggiano l'ambulanza.

Sul posto giunge la polizia locale, che però non riesce a calmare i due, i quali si fanno sempre più aggressivi. Minacciano gli agenti, inneggiano all'Isis e sono completamente fuori controllo. A rinforzo, arrivano anche i carabinieri. Vigili e militari riscono ad ammanettare i due e a portarli in ospedale, dove però il comportamento dei due nordafricani non cambia. Aggrediscono gli uomini in divisa, li minacciano e alla fine dovranno essere sedati prima di essere medicati e poi accompagnati nella caserma dei carabinieri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il giorno successivo, l'arresto è stato convalidato. I due sono stati messi in libertà, ma con l'obbligo di firma in caserma tre volte a settimana.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus: 11 nuovi casi in Veneto e l'ospedale di Borgo Trento torna ad avere ricoverati

  • Coronavirus, crescono contagi a Verona. Una nuova vittima in Veneto

  • A4, morto per un malore in terza corsia: scontri pericolosi evitati grazie ad un'auto e un tir

  • Ancora un violento temporale e forte vento nella notte su Verona e provincia

  • Coronavirus, un nuovo morto in Veneto e purtroppo è veronese

  • La sua ragazza non risponde e chiama il 112: trovata in una casa con droga e refurtiva

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento