Motociclista di 26 anni perde la vita in un drammatico scontro frontale

Simone Coeli, di Badia Calavena, si trovava in sella alla propria Kawasaki quando si è scontrato frontalmente con un Renalut Clio, per cause ancora da chiarire, condotta da un giovane di Tregnago

Simone Coeli - Foto Facebook

Un'altra vita si è spezzata sulle strade veronesi nella serata di sabato, quella di Simone Coeli, 26enne di Badia Calavena, sfortunato protagonista del drammatico incidente avvenuto tra la Strada Provinciale 10 e via Unità d'Italia, a Tregnago.
Sul posto si sono diretti i carabinieri di San Bonifacio e gli uomini della Polstrada, che si sono occupati dei rilievi. Stando ad una prima ricostruzione, sembra che il 26enne si stesse dirigendo verso Badia Calavena in sella alla propria Kawasaki, quandi si è scontrato frontalmente con una Renault Clio bianca condotta da un 19enne del posto che si muoveva in direzione opposta e che si sarebbe dovuto immettere in via Unità d'Italia. 
L'impatto tra i due veicoli è stato violentissimo, con la moto che si è accortacciata su sè stessa, mentre la parte anteriore dell'auto ha subito a sua volta gravi danni. Lanciato l'allarme, sono giunti sul posto l'elicottero del Suem 118 ed un'ambulanza con infermiere della Croce Rossa Italiana, ma sono stati vani i tentativi di rianimare il giovane che è morto sul posto. Il guidatore invece fortunatamente ha subito solo ferite lievi ed è stato condotto in stato di shock all'ospedale di San Bonifacio. Le forze dell'ordine si sono subito messe al lavoro per ricostruire la dinamica, che potrebbe essere chiarita dal giovane automobilista, mentre i vigili del fuoco hanno messo in sicurezza i veicoli. 
Come si evince dal profilo Facebook, Coeli aveva frequentato l'Istituto Tecnico Industriale San Zeno di Verona e lavorava preso la Th. Kohl, un'azienda che si occupa di interior design per farmacie. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sul lavoro: operaio 38enne precipita a terra e muore

  • Bozza Dpcm: coprifuoco Natale e Capodanno (rafforzato), sì pranzi ristorante in zona gialla

  • In sella alla moto sbatte contro un'auto a Pizzoletta e perde la vita

  • Covid-19, in Veneto 107 decessi in 24 ore. 27 tra Verona e provincia

  • Un hotel extra lusso nel cuore di Verona al posto degli ex uffici Unicredit

  • Il Veneto resta zona gialla, ora è ufficiale. Presidente Zaia: «Non abbassiamo la guardia»

Torna su
VeronaSera è in caricamento