Carambola infernale sulla Transpolesana: un morto e altre tre persone ferite

Una notte davvero tragica quella appena trascorsa tra venerdì 22 e sabato 23 gennaio lungo la SR 434 nel Comune di Oppeano. Nell'ambito di uno scontro frontale tra due automobili una persona ha purtroppo perso la vita

Una spaventosa serie di incidenti si è verificata nella notte tra il 22 e il 23 gennaio lungo la Transpolesana, nel comune di Oppeano, causando la morte di una persona mentre un’altra è stata trasportata d’urgenza all’ospedale di Borgo Trento in condizioni disperate. Il bilancio però poteva anche essere peggiore.

Secondo una prima ricostruzione effettuata dai carabinieri del Norm di Legango, erano circa le 23 quando la Honda Civic condotta da un ragazzo 1991 di Casaleone, ha iniziato a sbandare probabilmente a causa della forte velocità, uscendo di strada centrando una Citroen C3 dell’azienda Vigilanza Group e dei cartelli stradali. A causa del forte impatto, l’altro ragazzo seduto al posto del passeggero, anch’egli di Casaleone e di soli 22 anni, è stato sbalzato fuori dall’abitacolo, finendo nella corsia di senso opposto di marcia: per lui non c’è stato nulla da fare, è deceduto sul colpo a causa dei gravi traumi riportati.

Sul luogo dell’incidente sono quindi intervenuti i carabinieri, che hanno chiuso la SS434 in entrambi i sensi di marcia per consentire i rilievi, nel tratto compreso tra Ca’ degli Oppi e Vallese: i carabinieri del Norm legnaghese si sono occupati della corsia che conduce a Rovigo, dirottando i veicoli verso l’uscita di Vallese, mentre la pattuglia di Gazzo Roncanova ha chiuso la corsia opposta, deviando il traffico verso Ca’ degli Oppi.

Alle 1.20 però un nuovo episodio ha complicato ulteriormente la situazione: la Peugeot 207 condotta da un italiano, con un tasso alcolico ben al di sopra del consentito, si è schiantata contro l’auto dei militari del Norm, messa a chiudere la strada. Il guidatore non si è accorto delle casacche e dei berretti catarifrangenti e neppure delle decine di metri di torce e segnali vari che indicavano la situazione di pericolo. Fortunatamente nessun carabiniere è stato coinvolto nell’incidente.

Purtroppo nello scontro successivo non è andata allo stesso modo. Intorno alle 2.40, un Fiat Ducato guidato da uomo di origini polacche, non ha visto a sua volta le segnalazioni lasciate lungo la strada dagli Uomini dell’Arma intervenuti, ignorando anche le altre auto che gli sfanalavano per avvisarlo della situazione. Il furgone ha centrato a sua volta il veicolo dei carabinieri, spedendolo a 100 metri di distanza, e travolgendo il responsabile della Protezione Civile di Casaleone, accorso sul posto per dare una mano. L’uomo ora si trova ricoverato all’ospedale di Borgo Trento e le sue condizioni sarebbero disperate.

Sul posto, oltre al personale del 118 che ha soccorso le persone coinvolte (3 in tutto quelle trasportate al Mater Salutis di Legnago e all’ospedale Civile Maggiore), sono intervenuti anche i vigili del fuoco, per prestare soccorso agli occupanti e mettere in sicurezza i mezzi.

Potrebbe interessarti

  • Sanità, nascono in Veneto i team di assistenza primaria: «Facilitare l'accesso alle cure»

  • Verona, piante gratis ai cittadini

  • Ama il tuo intimo: un check up gratuito dal ginecologo grazie a Chilly e Intima Roberts

  • Regione Veneto: bando di incentivazione dei sistemi di accumulo di energia elettrica prodotta da impianti fotovoltaici

I più letti della settimana

  • Tragedia sulla SR450, tre ragazzi investiti da un'auto: due 20enni morti

  • Stroncata da una malattia durante una vacanza: 17enne muore in Grecia

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 19 al 21 luglio 2019

  • Incidente in moto sull'A22 all'uscita per Affi: un morto e un ferito grave

  • L'imprenditore edile Attilio Lonardi è morto all'età di 57 anni

  • Abusa della figlia più piccola per cinque anni, medico veronese condannato

Torna su
VeronaSera è in caricamento