Con il camion, tampona un Suv con famiglia a bordo e si allontana: cercasi testimoni

Il tutto si è verificato sulla Transpolensana, in prossimità dell'innesto con la tangenziale sud nel Comune di Verona, intorno alle 19 di lunedì: indaga la Polizia locale

Immagine di repertorio

Erano da poco passate le ore 19 di lunedì 22 giugno, quando, in prossimità dell'innesto con la tangenziale sud nel Comune di Verona, una Bmw X1 è stata urtata da un autoarticolato in transito sulla Transpolesana, finendo contro il guardrail dopo un pericoloso testacoda, subendo danni su entrambi i lati. Nel frattempo il mezzo pesante avrebbe proseguito nella propria corsa, senza prestare soccorso. 
Sul posto per i rilievi è intervenuta una pattuglia del Reparto Motorizzato della Polizia locale di Verona, che ha soccorso anche gli occupanti del Suv, due coniugi 44enni e la figlia di 15 anni, che sono ricorsi alle cure mediche del Pronto soccorso dell'ospedale di Borgo Trento. 
Sull'incidente sta ora indagando proprio la Polizia locale, che avrebbe già individuato il probabile responsabile nell'autista di un camion di grandi dimensioni con rimorchio per il trasporto di ghiaia e sabbia di colore bianco, che stava percorrendo la Transpolesana e si è poi immesso sulla tangenziale sud allontanandosi dal luogo del sinistro. Ad aggravare la posizione del camionista ci avrebbe pensato anche una telecamera della tangenziale sud, che lo avrebbe ripreso mentre controllava i danni sul proprio mezzo, prima di ripartire alla sua guida. 

Sono dunque al vaglio del Nucleo Infortunistica stradale tutte le immagini dei dispositivi di videosorveglianza installati nella zona, in collaborazione anche con la Polizia Locale di San Giovanni Lupatoto. 
Il Comando di via del Pontiere invita inoltre chiunque si fosse trovato in Transpolesana in direzione di Verona e in tangenziale sud, intorno alle ore 19 di lunedì, a fornire eventuali informazioni utili all'individuazione del camion, rivolgendosi al numero unico 045 807 8411 oppure alla mail infortunistica@comune.verona.it.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

È possibile infatti che le dashcam installate sui veicoli o testimoni oculari possano aver rilevato il numero di targa dell'autocarro coinvolto, come accaduto per casi simili.
Anche le ditte proprietarie sono invitate a collaborare. La responsabilità del comportamento è evidentemente del conducente, ma non sono escluse ricadute sulle ditte qualora fossero necessari ulteriori provvedimenti sul veicolo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, crescono contagi a Verona. Una nuova vittima in Veneto

  • L'Aifa autorizza la sperimentazione sul vaccino anti Covid-19: si farà a Verona

  • Il post Facebook del sindaco di Verona Sboarina sul virus e gli sbarchi dei migranti

  • Coronavirus: boom di contagiati in Veneto, fra cui pochi veronesi

  • Morto a 37 anni sulla A22, l'appello della moglie: «Cerco testimoni dell'incidente»

  • Ancora un violento temporale e forte vento nella notte su Verona e provincia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento