Verona, scoppia un incendio in un condominio: due persone salvate dalla Polizia

Le fiamme sono divampate in un edificio di via Salieri alle ore 2 di lunedì. I condomini sono corsi in strada, tranne un'anziana signora e un uomo bloccato sul balcone dal rogo, che avrebbe preso il via dal suo appartamento

Le fiamme divampate nel condominio - Foto di una lettrice

Un violento incendio è divampato alle due della notte tra domenica e lunedì, in un condominio situato al civico 279 di via Salieri a Verona: fortunatamente non ci sono state vittime, grazie al tempestivo intervento e al sangue freddo degli agenti delle Volanti della Questura di Verona. 
L'allarme sarebbe stato lanciato da uno dei condomini e i poliziotti si sono precipitati sul posto, mentre le fiamme si stavano già propogando dall'appartamento dove avevano preso vita al resto della struttura, i cui spazi comuni erano già pieni di fumo. I residenti si erano precipitati in strada ma all'appello mancavano ancora due persone: una signora 90enne e soprattutto l’inquilino dell’appartamento dal quale si era originato l’incendio, che affacciato al balcone gridava aiuto. 

water-4

A quel punto gli agenti non hanno potuto aspettare l'arrivo dei pompieri e sono entrati nel condominio, per evacuare anche gli ultimi due residenti rimasti. L’anziana, che dopo aver sentito bussare violentemente alla porta ha finalmente ha aperto agli operanti, presa dal panico e in stato di confusione inizialmente ha cercato di rifugiarsi nella propria camera da letto, dove però sarebbe certamente rimasta vittima del fumo e delle fiamme. Portata di peso fuori dal condominio, è stata così messa in salvo dagli operatori intervenuti e affidata al figlio.

water 03.08.2020 - Volanti - Salvataggio Incendio-2

Per salvare, invece, l’uomo bloccato sul balcone dall'incendio, i poliziotti hanno dovuto ricorrere ad una scala di fortuna trovata nelle vicinanze, sulla quale uno di loro si è arrampicato mentre gli altri la sostenevano dal basso, appoggiati su un altro balcone. Nonostante le oscillazioni e l’inclinazione quasi negativa della scala, che non poteva essere ancorata in alto in alcun modo, il poliziotto è riuscito a raggiungere il secondo piano.
Preso dal panico, l'uomo inizialmente non voleva decidersi a riscendere la scala ed è stato dunque preso di forza e fatto scendere dall'agente, che si è calato con lui per guidarlo nella discesa e facendogli scudo con il proprio corpo in caso di caduta. Nel frattempo la scala dondolava pericolosamente sotto il peso delle due persone e si piegava all’indietro, sorretta solo dalla forza dei colleghi che erano rimasti sotto a tenerla in equilibrio. Portato finalmente a terra l’ultimo dei residenti, i poliziotti si sono recati in Pronto Soccorso dove per i fumi inalati hanno ricevuto tre giorni di prognosi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

water-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dal reparto Covid-19 di Borgo Trento: «Sappiamo cosa ci aspetta per i prossimi mesi»

  • Quanta acqua devo bere al giorno? Ecco quello che non sapevi

  • Usa foto di un 15enne morto per adescare 13enne. Scoperto da Le Iene

  • Neonato abbandonato a notte fonda sul ciglio della strada a Verona

  • Sono due trentenni in grave difficoltà economica i genitori del bimbo abbandonato a Verona

  • Rintracciati dai carabinieri di Verona i genitori del bambino abbandonato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento