È festa per i Romeni: inaugurata la cripta della Chiesa della Parrocchia Ortodossa

"Quella romena con quasi 10 mila persone - ha ricordato il Sindaco Tosi - costituisce la prima comunità straniera presente in città: come Amministrazione comunale era doveroso contribuire affinché avesse un punto di riferimento della propria patria"

Il Sindaco Flavio Tosi ha partecipato questa mattina, in via Andrea Palladio, alla cerimonia di inaugurazione della cripta della Chiesa e del Centro Sociale e Culturale romeno della Parrocchia Ortodossa di “Santo Profeta Elia” e “San Zeno”. Presenti l’assessore alla Pianificazione urbanistica Gian Arnaldo Caleffi, il presidente del Consiglio comunale Luca Zanotto, il vicario generale don Roberto Campostrini in rappresentanza della Diocesi di Verona, il vescovo della Diocesi Ortodossa Romena d’Italia Padre Siluan, padre Gabor Codrea, il prefetto del Ministero dell’Interno Giovanna Maria Iurato, l’ambasciatore della Romania in Italia George Gabriel Bologan, il console generale della Romania, Cosmin Dumitrescu, le rappresentanti del Ministero degli Affari Esteri della Romania Elena Serbanescu e Cristina Natalia Inescu, oltre a numerosi rappresentanti delle istituzioni civili e religiose cittadine.

“Un giorno di festa non solo per la comunità romena ma anche per quella veronese, che si arricchisce di un luogo in cui condividere valori e creare ulteriore aggregazione” ha detto il Sindaco. “Questa realizzazione si deve soprattutto alla volontà di padre Gabor - ha aggiunto Tosi - che ha creduto fortemente in questo progetto, un luogo non solo di culto ma anche culturale e sociale che andrà ad ampliare l’offerta turistica cittadina”. “La comunità romena presente nel Comune di Verona - ha ricordato infine il Sindaco - con quasi 10 mila persone, costituisce la prima comunità straniera presente in città: come Amministrazione comunale era doveroso contribuire affinché avesse un punto di riferimento della propria patria”.

L’area in cui sono stati edificati la Chiesa e il Centro Culturale romeno, è stata ceduta dal Comune allo Stato Romeno con delibera approvata all’unanimità dal Consiglio comunale nel dicembre 2009. Nel 2012, a Palazzo Barbieri, avvenne la storica firma tra il Sindaco Flavio Tosi e il Console Generale della Romania a Trieste Radu Octavian Dpbre, per il compravendita del terreno assegnato alla chiesa ortodossa romena. La posa della prima pietra, nel febbraio 2012, ha dato avvio ai lavori che hanno portato alla realizzazione, in un’area di circa 5 mila metri quadrati, della chiesa ortodossa romena (in fase di ultimazione) e di un centro culturale con biblioteca, centro multimediale e sale multifunzionali, aperto a tutti i cittadini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arriva il maltempo in Veneto, pioggia e neve: "Stato di attenzione" della protezione civile

  • Operaio morto sul lavoro a Legnago, assolto rappresentante dell'azienda

  • Persona investita da un'auto, trasportata d'urgenza in ospedale: è grave

  • Omicidio a Verona: ammazza una 51enne e confessa due giorni dopo

  • Ladri acrobati si arrampicano fino al quinto piano e svaligiano l'appartamento

  • Braccato dai carabinieri per il tentato omicidio della fidanzata, si dà fuoco

Torna su
VeronaSera è in caricamento