rotate-mobile
Venerdì, 28 Gennaio 2022
Cronaca Porto San Pancrazio / Lungadige Galtarossa

Successo e apprezzamenti per la campagna In Vino Virtus al Vinitaly

L'iniziativa organizzata dalla Questura di Verona in collaborazione con la Polizia Stradale ha raggiunto migliaia di visitatori ed è stata apprezzata dalle più alte cariche istituzionali

Si è chiuso il sipario sul Vinitaly con un bilancio positivo anche per la Polizia di Stato, presente al grande evento fieristico veronese con la campagna istituzionale In Vino Virtus, ideata e realizzata dalla Questura di Verona in collaborazione con la Polizia Stradale. Ben 44 le aziende vitivinicole che hanno aderito all’iniziativa, apponendo sulle proprie bottiglie l'etichetta studiata dalla Polizia di Stato per promuovere l'idea che "bere responsabilmente può salvare la vita".

A partire dalla serata del 13 aprile, e per tutta la durata di Vinitaly and the City, fuori salone dell'evento fieristico, gli agenti della Questura di Verona e della Polizia Stradale hanno accolto i cittadini all’interno dello stand allestito in Piazza dei Signori, mettendo a disposizione degli interlocutori interessati le loro competenze in materia di educazione stradale e di sicurezza alla guida. Con le medesime finalità, la Polizia di Stato è stata accolta, per le giornate dal 15 al 18 aprile, anche all’interno del quartiere fieristico dove migliaia di visitatori hanno potuto provare uno speciale simulatore che, con occhiali deformanti, permette di percepire la concreta sensazione di guidare in stato di alterazione alcolica. Grande curiosità da parte degli ospiti anche per le prove con l'alcoltest che gli operatori di polizia hanno eseguito sui richiedenti, fornendo utili indicazioni per evitare le conseguenze della guida dopo l'assunzione eccessiva di bevande alcoliche.

Grande attrazione è stata poi anche la favolosa Lamborghini Huracàn, esposta a cornice dello stand della Polizia di Stato. La supercar, simbolo per eccellenza della guida sicura in condizioni di emergenza, è stata donata alla Polizia Stato per lo svolgimento di attività operative e per il trasporto di sangue ed organi. Nello stesso contesto, un angolo espositivo dello stand è stato dedicato all'associazione Arcobaleno che, particolarmente impegnata nel campo del volontariato, si è inserita nell’iniziativa promossa dalla Polizia di Stato, presentando la campagna "Un brindisi alla salute mentale, patrimonio dell’umanità", per coinvolgere la collettività sulle problematiche del disagio psichico. La partnership con tale Arcobaleno ha permesso di realizzare una specifica etichetta con disegni realizzati da persone affette da disabilità, con in calce una frase a tema vergata da diverse autorità civili e militari.

Nel giorno inaugurale del Vinitaly, all'interno dello stand della Polizia di Stato, il prefetto ed il questore della Provincia di Verona, hanno accolto la presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati che ha apprezzato l'iniziativa. Nello stesso giorno è intervenuto anche il ministro Maurizio Martina e il 16 aprile il presidente del consiglio Paolo Gentiloni ha omaggiato la Polizia di Stato della sua presenza.

In Vino Virtus al Vinitaly 2018

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Successo e apprezzamenti per la campagna In Vino Virtus al Vinitaly

VeronaSera è in caricamento