Immigrati irregolari in Italia. Il Giudice di pace li assolve, la Cassazione no

Un gruppo di marocchini non aveva rispettato l'ordine di espulsione. Per la Corte di Cassazione non c'è un motivazione valida che giustifichi la loro permanenza nel paese

Erano stati espulsi dall'Italia, ciò nonostante erano rimasti nel nostro paese. Sono un gruppetto di immigrati marocchini, ufficialmente irregolari nel territorio italiano perché costretti al rimpatrio. Non per il Giudice di pace di Verona che li aveva assolti, perché il fatto non costituisce reato alla luce delle novità in materia di immigrazione clandestina. La loro permanenza in Italia non era dunque illegale per il Giudice di pace.

Contro questa decisione si è mossa la Procura generale della Corte di Appello di Venezia che ha presentato una serie di ricorsi alla Corte di Cassazione. Cassazione che ha dato ragione alla Procura e torto al Giudice di Pace, come scritto su L'Arena. Secondo la Cassazione, non c'è nulla che attesti che gli immigrati marocchini non fossero a conoscenza della loro situazione, quindi sapevano che avrebbero dovuto andarsene. In più, non è stata presentata nessuna giustificazione valida che motivi la loro permanenza in Italia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Artigiano muore folgorato in strada mentre lavora: inutili i soccorsi del 118

  • Arriva il maltempo in Veneto, pioggia e neve: "Stato di attenzione" della protezione civile

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 17 al 19 gennaio 2020

  • Trovano un vero arsenale nella sua casa: 42enne finisce in manette

  • Operaio morto sul lavoro a Legnago, assolto rappresentante dell'azienda

  • Tocca con la motosega i cavi dell'alta tensione: non c'è stato scampo per il 46enne

Torna su
VeronaSera è in caricamento