Il settore turismo discute sulla legge regionale

Si vuole costituire un tavolo di confronto per formulare osservazioni congiunte a Venezia

Il settore turismo discute sulla legge regionale
La Verona del turismo vuole costituire un tavolo di confronto sui due progetti di legge di riforma del testo unico regionale in materia, con l’obiettivo di arrivare a esprimere osservazioni congiunte sulla normativa in discussione a Palazzo Balbi. La sede di Confcommercio Verona ha ospitato un incontro tra i vertici dei Consorzi di promozione turistica Verona Tuttintorno (con il presidente Stefano Ghelli Santulliana), Lago di Garda è… (rappresentata dal direttore Enrico Merenda), della sezione turismo di Confindustria (c’erano il presidente Enrico Perbellini e il leader degli albergatori confindustriali Gianni Zenatello), dell’Ugav (con il presidente Antonio Pasotti), di Promoveneto (il consigliere Oscar Zago) e della stessa Confcommercio (oltre al presidente provinciale Paolo Arena, erano presenti il leader degli albergatori Oliviero Fiorini, il direttore generale Giorgio Sartori, il vice direttore Silvano Massalongo e il funzionario Paolo Caldana).

Il disegno di legge regionale di riforma del testo unico del turismo, nell’ultima versione, è stato scisso in due parti - una normativa, l’altra relativa alla promozione - e tenderebbe a valorizzare il ruolo delle Province nell’ambito della promozione turistica stessa, lasciando alle strutture associate, meglio conosciute come Consorzi, la mera commercializzazione. Una stesura che contiene luci ed ombre, hanno convenuto i partecipanti all’incontro, e a fronte della quale occorre presentarsi con proposte condivise dagli attori del settore per dare forza alle istanze del sistema-Verona rendendo nel contempo più agevole il confronto con Venezia, che verrà comunque attuato dagli organismi regionali espressioni delle singole realtà categoriali. Di qui la decisione di costituire un “tavolo del turismo” che darà vita a un documento congiunto - da presentare alla Regione tramite le federazioni regionali - contenente osservazioni e proposte tese a migliorare gli aspetti del disegno di legge ritenuti lacunosi.

Verona, quindi, rivendica un ruolo di attore di primo piano nel contesto delle politiche turistiche che, è stato evidenziato, sono estremamente importanti per il Veneto ma soprattutto per il territorio veronese. Il presidente di Confcommercio Paolo Arena ha sottolineato l’importanza di un’iniziativa di questo genere e la stringente necessità di fare sistema su tutti gli aspetti collegati al settore; è paradossale, ha commentato in particolare Arena, che una provincia che si definisce turistica registri l’86% del traffico aeroportuale “outgoing”, in uscita. Urgono quindi, ha concluso Arena, strategie concertate in grado di accentuare la vocazione turistica del territorio scaligero, a fronte di una concorrenza sempre più marcata sia in ambito nazionale che estero.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sul lavoro: operaio 38enne precipita a terra e muore

  • Virus, il vaccino veronese fa sperare: «È ben tollerato e induce risposta immunitaria»

  • Ordinanza Zaia: si può passeggiare al lago o in montagna? Mascherina, multe ai gestori locali

  • Tragico scontro tra auto e camion nella Bassa: morto un trentenne

  • Regalo di Natale dal Governo per chi paga con bancomat e carte: cos'è il "cashback"?

  • Dopo l'abbandono, il piccolo Zeno lascia l'ospedale per andare in affidamento

Torna su
VeronaSera è in caricamento