rotate-mobile
Cronaca

Il flop delle ronde, zero iscritti al nord

Le accuse di Idv e sindacati di polizia: Propaganda. Tosi: C tempo"

Ronde, ma chi le ha viste? A chiederselo è Antonio Borghesi, Idv. Ma la domanda, in effetti, rimbalza già da qualche giorno, e non solo nella nostra città.
Perchè quella che sembrava la soluzione perfetta per combattere la microciminalità e riportare la sicurezza nelle città rischia invece di rimanere un fuoco di paglia, niente di più. Di questo ne è convinto Borghesi, confortato dai risultati di un’inchiesta di Affaritaliani.it: “A due mesi dal decreto che le disciplina, in nessun capoluogo di Provincia del Veneto risulta una qualche domanda di iscrizione nello speciale elenco presso le prefetture. Non parliamo del Sud – continua il dipietrista - dove la criminalità organizzata non le permette, ma è proprio il nostro territorio che manca all’appello. Nessuna domanda a Verona, dove il sindaco Tosi aveva brindato alla loro istituzione, niente di niente a Treviso, a Padova, a Rovigo, a Venezia. Insomma, un flop gigantesco”. In effetti a Verona risultano operative tre associazioni, nessuna delle quali ancora iscritta allo speciale albo istituito in Prefettura. Ma per l’iscrizione c’è comunque tempo fino al prossimo 8 febbraio. Basta questo per considerare l’istituzione delle ronde un flop? “Le ronde – continua Borghesi - erano solo propaganda. Quando si è stabilito che non potevano usare divise, nè armi, né avere affiliazioni politiche, l’entusiasmo è andato. Magari qualche gruppuscolo verrà fatto iscrivere, per evitare lo zero assoluto, ma la figuraccia c’è stata, inutile negarlo”.
 E sulla stessa lunghezza d’onda sono anche i sindacati della polizia. Sentite Angelo Calvario, dell’Ugl: “Sapevamo  fin dall'inizio che le ronde sarebbero state un flop, nessuno mai si prenderebbe la briga di scendere in strada, senza essere pagato, a rischiare la pelle. Sarei d'accordo, invece, all'applicazione delle ronde solo se facessero un corso nelle scuole di polizia. Normalmente dura un anno, ma per loro si può anche ridurre a qualche mese. Quella di Maroni e della Lega a mio avviso è stata, quindi, solo una manovra politica. Chiacchiere per racimolare consensi".
Insomma, propaganda o salvezza delle città? Da palazzo Barbieri il sindaco Flavio Tosi mette le mani avanti: “Credo sia  normale che nessuna associazione si sia ancora iscritta, hanno ancora quattro mesi per farlo. Aspettiamo prima di dare giudizi”. Aspettiamo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il flop delle ronde, zero iscritti al nord

VeronaSera è in caricamento