menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il Centro Risi di Isola dedicato a Zanotto

Il Centro Risi di Isola dedicato a Zanotto

Il Centro Risi di Isola dedicato a Zanotto

Ospiter la Fiera del Riso ed altri eventi. Costo 4 milioni di euro

Cominceranno nelle prossime settimane, e dureranno probabilmente circa 1 anno, i lavori per la realizzazione del nuovo Centro Risi nell’area fieristica di Isola della Scala. Il progetto è stato presentato ieri sera, giovedì 16 luglio, nell’auditorium Santa Maria Maddalena nella cittadina del riso.

La struttura Polifunzionale, realizzata grazie ai contributi della Regione Veneto (1 milione di euro) e della Banca Popolare di Verona (contributo di liberalità più finanziamento), potrà ospitare eventi, come ad esempio la nota Fiera del Riso, mostre, concerti, manifestazioni sportive ecc..
Il costo si aggirerà attorno ai 4 milioni di euro. L'edificio, che sarà immerso in un parco servito da una pista ciclabile, avrà un'estensione pari a 4.800 metri quadrati, e la copertura sarà costituita dalla suggestiva successione di impotenti travi reticolari lenticolari con luci fino a 56 metri. Questo permetterà alla struttura di avere all’interno un unico grande spazio modulabile con pareti mobili a seconda delle necessità espositive. Un’altra possibilità sarà quella di mantenere l'ambiente sgombro da ostacoli per manifestazioni quali concerti e spettacoli per le quali è stato previsto un ampio palco nell'area nord dell'edificio. All'interno della struttura troverà spazio un volume a doppia altezza con stanze adibite a cucine fisse, uffici, una piccola sala riunioni e servizi igienici, accessibili sia dall'interno che dall'esterno. Gli spazi del volume potranno ospitare sia l’Ente Fiera sia le associazioni sportive isolane. L’edificio si caratterizzerà nel suo perimetro per le ampie facciate vetrate, che coinvolgeranno quasi completamente tutti i prospetti, permettendo una trasparenza fra spazi interni ed esterni, realizzando così un connubio tra ambiente naturale e zona espositiva. Le vetrate potranno essere completamente aperte dando accesso all’esterno in ogni area. Materiali costruttivi come anche legno e mattoni utilizzati in una struttura architettonica all’avanguardia garantiranno un inserimento armonico nel contesto urbano del territorio. Il progetto esecutivo del Centro Risi ad Isola della Scala è quello presentato dalla ditta appaltatrice Adico Srl di Maser (Treviso), vincitrice dell’appalto. Un progetto che prevede nuovi elementi di qualità per quanto riguarda i sistemi di riscaldamento e di trattamento dell’aria. Tutto è rivolto ad un risparmio energetico attraverso alcune delle tecnologie più avanzate che permetteranno anche una riduzione delle emissioni dannose per l’ambiente e allo stesso tempo garantiranno rendimenti elevati. Una particolare attenzione è stata posta nei confronti dei futuri ospiti del Cento Risi: i sistemi di riscaldamento e di ventilazione infatti puntano a rendere gradevole in qualsiasi stagione la permanenza all’interno della struttura polifunzionale. Nel progetto definitivo sono state inserite soluzioni che andranno a migliorare l’acustica interna per gli utenti e a limitare sensibilmente i rumori che potrebbero sentirsi all’esterno. “Con questo centro abbiamo voluto pensare soprattutto agli anziani e ai ragazzi – ha affermato il sindaco Giovanni Miozzi – infatti la struttura e il parco in cui sarà immersa si presteranno a moltissime attività importanti per il nostro paese. Tre anni fa questa era solo un’idea, oggi invece siamo prossimi all’inizio del lavori: è un grande risultato”. «La Banca Popolare di Verona, fedele al suo stile di banca radicata al territorio, è attenta e vicina alle realtà locali non solo dal punto di vista economico finanziario, ma anche sotto l’aspetto della promozione della cultura, di eventi e manifestazioni culturali - spiega Alberto Bauli, Presidente della Banca Popolare di Verona - S.Geminiano e S.Prospero S.p.A. - Siamo partner della Fiera del Riso praticamente da sempre, ed è stato per noi naturale appoggiare ancora più significativamente questa importante realtà, mettendo a disposizione un importante contributo liberale per la costruzione del Centro Risi, un Centro Polifunzionale che ricordo sarà dedicato ad uno dei miei più illustri predecessori, Giorgio Zanotto. Una struttura che permetterà ad Isola della Scala di consolidare ulteriormente, non solo il ruolo di organizzatore della Fiera del Riso, ma anche di essere punto di riferimento anche per altre manifestazioni, un centro funzionale e al servizio della comunità. ». “ In questi anni e con questi progetti Isola della Scala ha dimostrato di meritare il sostegno della Regione – ha sottolineato l’assessore regionale Massimo Giorgetti – il riso qui ha un doppio valore: economico, per chi lo produce, e di sicurezza alimentare per i consumatori sempre più attenti e bisognosi di prodotti di qualità e certificati come questo”. “Con questo edificio all’avanguardia l’Ente Fiera, e dunque Isola della Scala stessa, potrà arricchirsi di nuove manifestazioni – ha spiegato il presidente dell’Ente Fiera dott. Massimo Gazzani – e al contempo il Centro Risi permetterà di migliorare ancor di più la già ottima qualità degli eventi che proponiamo ad un pubblico oramai nazionale e in qualche caso anche internazionale”. Il percorso che porterà alla realizzazione del Centro Risi è iniziato con una specifica variante urbanistica del 2005 approvata dalla Regione Veneto. In attuazione alla variante l’Amministrazione ha successivamente, nel 2006, adottato ed approvato il Piano Particolareggiato che ha individuato compiutamente, i due lotti esecutivi, il primo relativo al fabbricato fieristico e il secondo funzionale alla creazione di un suo complementare parco tematico di quasi 10 ettari.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'ospedale di Negrar si aggiunge ai centri di vaccinazione anti-Covid

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento