Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Oltre 11 chili sequestrati tra hashish e cocaina: due uomini ed una donna arrestati

Le informazioni raccolte hanno portato i carabinieri della Compagnia di Villafranca di Verona sulle tracce di uno uomo residente a San Martino Buon Albergo, che si sospettava smerciasse droga in città

 

Un'operazione antidroga condotta dai carabinieri di Villafranca di Verona nella notte di mercoledì 14 ottobre ha portato all'arresto di tre persone: due uomini, D.A., classe 1962 e originario di Crotone e K.B., classe 1965 e originario della Serbia; ed una donna, C.G. classe 1969, originaria di Verona. I tre infatti sono stati ritenuto dall'Arma responsabili del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Nel corso di alcuni servizi volti a contrastare questo problema, i militari del nucleo operativo della compagnia di Villafranca avevano acquisito informazioni riguardo un uomo d'origine serba, residente a San Martino Buon Albergo, che si occupava dello smercio di droga nel capoluogo scaligero. Grazie ad alcuni controlli in borghese messi in atto in città, i carabinieri hanno dunque monitorato i suoi spostamenti, che li avrebbero indotti a fermarlo proprio durante una cessione di droga. Il controllo avrebbe dunque permesso ai militari di sorprendere due uomini nel corso di una trattativa di compravendita per dello stupefacente: bloccati, gli individui sono stati sottoposti a perquisizione, poi estesa all'auto dello straniero ed al suo domicilio. Operazioni che avrebbero permesso all'Arma di trovare nella disponibilità di K.B. 1 chilo e 300 grammi di cocaina e 10 chili di hashish suddivisi in 59 "mattonelle". Dopo le verifiche sulla vettura, le operazioni si sono infatti spostate presso la sua abitazione, dove l'uomo ha spontaneamente consegnato quanto aveva nascosto nel proprio bagno, all’interno di una “insospettabile” busta della spesa.
Anche D.A. è stato sottoposto a perquisizione personale: dopo un’iniziale resistenza, gli operatori avrebbero trovato 3 involucri contenenti oltre 300 grammi di cocaina, che avrebbe ricevuto poco prima dal serbo.

I primi accertamenti eseguiti dai carabinieri di Villafranca avrebbero poi permesso di individuare un altro soggetto coinvolto nella trattativa dello stupefacente sequestrato, ovvero C.G. Anche la donna dunque è stata sottoposta a perquisizione personale e domiciliare: da subito sarebbe stata collaborativa ed avrebbe permesso agli uomini dell’Arma di rinvenire 50 grammi di cocaina, già suddivisa in dosi e diverse banconote di piccolo taglio (per un totale di 530 euro), ritenute provento di precedente attività di spaccio e anche per lei sono così scattate le manette.

Tutti e tre sono stati tradotti la notte stessa nella casa circondariale di Montorio, in attesa della convalida degli arresti da parte dell’autorità giudiziaria scaligera. Nella mattinata di venerdì il Gip ha convalidato i provvedimenti, disponendo la custodia in carcere per i due uomini e gli arresti domiciliari per la donna.

WhatsApp Image 2020-10-16 at 16.53.58-2

Potrebbe Interessarti

Torna su
VeronaSera è in caricamento