Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca

Haiti, dove finiscono i soldi dei veronesi

Nei caraibi diverse associazioni scaligere presenti sul territorio da molti anni

La situazione ad Haiti è sempre drammatica e l’ulteriore scossa di terremoto, di magnitudo 6.1, scatenatasi ieri ha scatenato nuovamente il panico tra la popolazione allo sbando. Agli haitiani manca praticamente tutto, dall’acqua al cibo, dalle garze alle più semplici medicine.

Ed i veronesi questo lo sanno, sensibili come sempre ai problemi che colpiscono i più sfortunati
; era stato così in occasione dello tsunami e per il terremoto in Abruzzo, ma anche in altre mille altre piccole occasioni. Quindi i veronesi hanno messo mano al portafogli ed hanno iniziato a contattare le più disparate associazione per fare la loro parte.

Ma a chi vanno i soldi dei veronesi? E, soprattutto, che fine fanno? Uno degli enti che sta ricevendo maggiori contributi è la Provincia, proprio per questo il presidente del Consiglio provinciale Antonio Pastorello ha promosso un’iniziativa importante, l’invio di container (tre, se possibile quattro) pieni di generi alimentari, latte in polvere e medicinali da recapitare al Progetto Roberto. Guidato da Roberto Danese, veronese Doc di San Marino Buon Albergo, questo progetto, nato nel 1986, si sviluppa nella Repubblica Dominicana, dove in questi giorni migliaia di sfollati haitiani si stanno riversando. Grazie al contributo della Provincia si potrà sfamare questi disperati.

Altri contributi vengono spesi da ProgettoMondo Mlal, una onlus veronese presente ad Haiti da 12 anni, per offrire un alloggio e da mangiare agli sfollati di Legane, un piccolo centro a 30 chilometri d alla capitale di Port au Prince. Qui ProgettoMondo Mlal aveva sviluppato l'iniziativa Piatto di sicurezza, ovvero un centro nel quale agli haitiani era stato insegnato a coltivare la terra e che, fino al disastro, si manteneva da solo.


Molto attivi ad Haiti anche Medici Senza Frontiere, soprattutto in queste prime fasi dove l’assistenza medica è fondamentale
. Per Msf a Port au Prince è arrivato Michele Dal Cengio, infermiere volontario vicentino, ma trapiantato da tempo nel veronese, che lunedì è sbarcato ad Haiti per dare una mano.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Haiti, dove finiscono i soldi dei veronesi

VeronaSera è in caricamento