Martedì, 16 Luglio 2024
Cronaca Grezzana / Via dei Monti

Animali tenuti in cattive condizioni: condannato il parco Al Bosco, ma solo per i rapaci

I titolari del parco di Romagnano di Grezzana condannati a pagare un'ammenda per le condizioni in cui tenevano 7 volatili. Respinte le altre accuse mosse dalla Lav

Il parco faunistico Al Bosco in località Zerbaro a Romagnano di Grezzana è stato condannato al pagamento di una sanzione di 2 mila euro per il modo in cui sono tenuti sette rapaci, almeno secondo quanto ha sentenziato il giudice Raffaele Ferraro.

Come riporta L'Arena, i titolari del parco di Grezzana erano stati denunciati dalla Lav per le cattive condizioni in cui vivrebbero gli animali, "incompatibili con la loro natura", e per la vicinanza tra razze predatrici, cosa che causerebbe forte stress negli esemplari del parco faunistico. L'accusa è stata accolta solo in parte dalla giustizia che ha imposto il pagamento di un'ammenda solo per le condizioni in cui versavano tre gufi reali, dei falchi e dei barbagianni. Il parco è stato condannato perchè i rapaci erano assicurati con una cordicella troppo corta. Predisposto anche il sequestro dei volatili ai fini della confisca e un risarcimento di 4mila euro alle parti civili, cioè la Lav e l'Anpana.

I coniugi proprietari per parco Al Bosco, Bruno Malascorta e Maria Grazia Zanoni, sono invece stati assolti per le accuse riguardanti i lupi, le linci e due istrici, perchè il fatto non sussiste. Il giudice non ha riconosciuto che ci fosse sofferenza animale per la stretta vicinanza tra questi predatori.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Animali tenuti in cattive condizioni: condannato il parco Al Bosco, ma solo per i rapaci
VeronaSera è in caricamento