Commercianti, flash mob e richieste: «Siamo imprenditori seri, meritiamo di poter riaprire»

Consegnate dal presidente di Confcommercio Verona Paolo Arena al sindaco Sboarina le richieste degli imprenditori: «Abbiamo rispettato le regole, oggi meritiamo di tornare a vivere»

Nella serata di ieri, venerdì 1 maggio alle ore 21, il presidente di  Confcommercio Verona Paolo Arena ha consegnato in Piazza Erbe nelle mani del sindaco di Verona Federico Sboarina le richieste a sostegno delle imprese del terziario di mercato e del turismo, duramente colpite dalla crisi causata dal coronavirus.

«Il sindaco di Verona è vicino alle aziende che da più di sessanta giorni non incassano un centesimo, - ha esordito nel suo discorso il presidente Paolo Arena - vogliamo consegnare anche un altro documento che abbiamo presentato a tutti i sindaci dei 98 Comuni della provincia di Verona chiedendo proprio al sindaco Sboarina di farsi portavoce delle nostre richieste. Siamo veramente in un momento di difficoltà, - ha poi aggiunto il presidente di Confcommercio Verona - riteniamo però di essere imprenditori seri, imprenditori che hanno avuto la capacità di seguire quelle che sono state le regole emanate dal governo e dalle amministrazioni comunali, oggi meritiamo di poter tornare a vivere e soprattutto di tornare ad avere un momento di fiducia con tutta la popolazione, le persone che frequentano i nostri negozi e le nostre attività commerciali».

Il sindaco di Verona, ricevendo in mano i documenti con le richieste dei commercianti e imprenditori consegnategli dal presidente Paolo Arena, ha quindi aggiunto: «Prendo volentieri queste richieste e, tra l'altro, sono qui in rappresentanza di tutti i 98 sindaci della provincia di Verona con cui ero in videoconferenza fino a pochi minuti fa. Noi siamo vicini alle nostre attività commerciali, - ha quindi specificato il sindaco Sboarina - l'ho già chiesto con gli altri sei sindaci delle città capoluogo del Veneto e l'abbiamo già fatto, di portare queste istanze al governo perché abbiamo bisogno di certezze, loro soprattuto, i nostri commercianti hanno bisogno di certezze per poter ripartire e poter far girare l'economia in sicurezza, con i dispositivi, dalle mascherine ai guanti e le distanze interpersonali, ma le attività devono avere la possibilità di ripartire».

Sempre nella serata di ieri, molti imprenditori di attività commerciali hanno partecipato a un flash mob di protesta, accendendo un lume dinanzi al proprio negozio o alla propria attività per affermare perentoriamente che «non c'è più tempo, le imprese del terziario e del turismo si stanno spegnendo, per sempre».

Il flash mob di protesta promosso da Confcommercio Verona 

Il post Facebook dell'Ass. alla Sicurezza del Comune di Verona Daniele Polato

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus, il vaccino veronese fa sperare: «È ben tollerato e induce risposta immunitaria»

  • Tragico incidente sul lavoro: operaio 38enne precipita a terra e muore

  • Ordinanza Zaia: si può passeggiare al lago o in montagna? Mascherina, multe ai gestori locali

  • Tragico scontro tra auto e camion nella Bassa: morto un trentenne

  • Giovane veronese muore in un incidente il giorno del compleanno al rientro dal lavoro

  • Regalo di Natale dal Governo per chi paga con bancomat e carte: cos'è il "cashback"?

Torna su
VeronaSera è in caricamento