Gomitata ad un carabiniere che voleva sedare la lite: un uomo nei guai

La pattuglia della stazione di Oppeano era intervenuta sul posto dopo la segnalazione di una violenta discussione per riportare la situazione alla normalità, ma F.G. avrebbe invece reagito male all'invito a calmarsi

I carabinieri di Oppeano

I carabinieri di Oppeano, nella serata di mercoledì, sono intervenuti per sedare una lite in un'abitazione di Ca' degli Oppi, ma l'intervento si è concluso invece con l'arresto di F.G., cittadino italiano, classe 1946, accusato di resistenza e violenza a pubblico ufficiale

Arrivati sul posto, i militari avrebbero notato che l'uomo si trovava in forte stato di agitazione e lo avrebbero pertanto invitato a calmarsi, ma questi invece avrebbe reagito scagliandosi contro di loro. Nella colluttazione un giovane carabiniere sarebbe stato colpito al volto da una gomitata sferrata da F.G. ed è stato così costretto a ricorrere alle cure dei sanitari, che gli hanno diagnosticato un trauma alla mascella giudicato guaribile in 8 giorni.
Conclusi gli accertamenti di rito, l'italiano è stato accompagnato al proprio domicilio in regime di arresti domiciliari e giovedì mattina è stato condotto davanti al tribunale di Verona, dove il giudice Donati ha convalidato il provvedimento e concesso i termini di difesa fissando il processo al 17 settembre 2019, disponendo infine nei confronti dell'uomo il divieto di dimora nella provincia di Verona.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sul lavoro: operaio 38enne precipita a terra e muore

  • Virus, il vaccino veronese fa sperare: «È ben tollerato e induce risposta immunitaria»

  • Ordinanza Zaia: si può passeggiare al lago o in montagna? Mascherina, multe ai gestori locali

  • Tragico scontro tra auto e camion nella Bassa: morto un trentenne

  • Regalo di Natale dal Governo per chi paga con bancomat e carte: cos'è il "cashback"?

  • Nuovi chiarimenti della Regione sull'ordinanza di Zaia: sì a camminate gruppi nordic walking

Torna su
VeronaSera è in caricamento