Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Cronaca Borgo Roma / Via Alessandro Fleming

Contro la Glaxo e la vivisezione: proteste davanti al centro di via Fleming

L'arrivo di 32 beagle nei laboratori di via Fleming ha portato gli animalisti ad organizzare presidi di protesta davanti all'istituto a partire da domani fino a sabato 23 marzo

L'associazione "Freccia 45", il comitato "Montichiari contro Green Hill" e il coordinamento "Fermare Green Hill" hanno iniziato oggi le manifestazioni di protesta lungo le strade del capoluogo scaligero. Oggetto della furia dei gruppi ambientalisti è il politecnico Glaxo di via Flaming, accusato di continuare le ricerche su cuccioli di cane. Da questa mattina alle nove un picchetto di attivisti è infatti presente davanti all'ingresso del politecnico, manifestando contro la vivisezione e la sperimentazione animale.

IL COMUNICATO - Nella pagina facebook del gruppo "Montichiari contro Green Hill" si possono leggere le proteste degli ambientalisti, che in un comunicato sintetizzano le ragioni della loro manifestazione: "Il 6 marzo abbiamo diffuso sui media e sui nostri canali la notizia dell'arrivo di 8 cani beagle presso gli stabilimenti Menarini/Rtc" di Pomezia, provenienti dal Belgio. Mentre le associazioni ed i moltissimi volontari giunti da tutta Italia presidiavano il gruppo Menarini di Pomezia, un’altra società farmaceutica importava in Italia beagle diretti alla sperimentazione. Le due società hanno un denominatore comune fondamentale: sono ex clienti di Green Hill! I volontari alle dogane estere di Freccia 45, nel verificare i documenti di importazione degli 8 beagle provenienti dal Belgio emessi al loro ingresso nella Comunità Europea il giorno 5 marzo 2013, hanno scoperto questa notte che i cani giunti al centro di stoccaggio Belga e provenienti dagli Stati Uniti, erano molti di più … Tutti diretti in Italia. Oltre agli 8 cani recapitati al Gruppo Menarini, altri 32 cani partivano dal Belgio via terra per essere consegnati alla loro morte in un ulteriore laboratorio italiano. I 32 beagle sono giunti all’interno della multinazionale di origine britannica GlaxoSmithKline S.p.A. in Via Alessandro Fleming a Verona, il cui centro ricerche è ora di proprietà della società americana Aptuit. Il gruppo Glaxo è autorizzato dal ministero della Salute a compiere esperimenti su molti animali tra cui: ratti, topi, ma anche cani, gatti e scimmie del nuovo mondo".

LE PROTESTE - Vista la situazione, i volontari animalisti hanno deciso di scendere in campo in prima persona, e hanno richiesto e ottenuto di poter manifestare davanti alla sede della Glaxo veronese. Inizialmente la questura scaligera aveva negato ai volontari la possibilità di manifestare, in quanto si temeva che potessero ripetersi gli scontri già visti a Pomezia, quando gli animalisti sono scesi a protestare contro la vivisezione dei Beagle. L'insistere delle richieste, comunque, ha portato alla firma di un'autorizzazione. I presidi animalisti potranno quindi essere organizzati regolarmente in via Flaming a partire da oggi, mercoledì 20, fino a sabato 23, negli orari compresi tra le 9 e le 23.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Contro la Glaxo e la vivisezione: proteste davanti al centro di via Fleming

VeronaSera è in caricamento