menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Manda in coma il vicino a colpi di spazzolone, 41enne resterà in carcere

Per ora non potrà tornare a casa e attendere il processo, Moreno Zanetti, 41enne, che a Nogare tre giorni fa aggredì Germano Squinzani, 82 anni e lo ridusse in fin di vita: "Non pensavo di fargli così male"

Non immaginava che gli avrebbe fatto "così male". Questa la reazione di Moreno Zanetti, 41 anni, residente a Nogara e accusato di tentato omicidio dell'82enne Giuseppe Squinzani che ora lotta per restare in vita al reparto Rianimazione di Borgo Trento. Sull'anziano, venerdì sera, si sarebbe accanito il 41enne vicino di casa, con uno spazzolone di legno. Un banale litigio per futili motivi: si erano accapigliati per il parcheggio di un'auto nel giardino comune. Il 41enne, secondo le testimonianze della moglie della vittima, avrebbe ripetutamente colpito con uno spazzolone di legno l'82enne, fino a sfondargli il cranio e a ridurlo in fin di vita. Il tutto sotto gli occhi terrorizzati della donna, che non è riuscita ad intervenire in soccorso al marito.

Ieri Zanetti si è voluto scusare con famigliari e presenti dalla cella del carcere di Montorio dove è stato interrogato per un'ora e mezza dal giudice per le indagini preliminari, Laura Donati. Secondo la sua versione dei fatti, avrebbe picchiato Squinzani con la parte di plastica dello spazzolone e avrebbe inferto solo un colpo. Avrebbe dunque reagito alla "provocazione" e per "difesa". L'avvocato del 41enne ha provato ad alleggerire la situazione del suo cliente ma non c'è riuscito: niente domiciliari, poiché, come segnala il Corriere Veneto, potrebbe avvenire la "reiterazione del reato". Ovvero, il 41enne potrebbe tornare a far del male alla sua vittima. Lo stesso Zanetti, a febbraio, era stato vittima di una brutale aggressione a casa. L'uomo era Nogara: aggredito in casa a colpi di spranga
uscito in cortile e in pochi secondi gli erano piombati addosso quattro stranieri armati di spranghe di ferro
colpendolo ripetutamente alla testa, sulla schiena e agli arti
. Portato all'ospedale, era stato dichiarato guaribile in 30 giorni. Giuseppe Squinzani invece si trova ancora in coma e in gravi condizioni. I medici, tuttavia, hanno rilevato un leggero miglioramento nelle scorse ore.

.Potrebbe interessarti: https://www.veronasera.it/cronaca/violenza-aggressione-nogara-via-dossetto-2-febbraio.html
Seguici su Facebook: https://www.facebook.com/veronase
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    Pasta di legumi: benefici e ricetta

  • social

    Aperti online i Casting dello Zecchino d’Oro

  • social

    L'Acqua in uno scatto: concorso a premi

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento