rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Cronaca Centro storico / Piazza Bra

A Verona notte di ricerche per il 28 enne scomparso da un mese: «Aiutateci a trovarlo»

La Ronda della Carità: «Più persone, tra le senza dimora, confermano d'averlo incontrato a Verona anche recentemente»

Si sono svolte a lungo nella città di Verona, la notte tra sabato 10 e domenica 11 aprile, le ricerche di un 28 enne bresciano scomparso ormai da oltre un mese (era il 7 marzo l'ultima volta che era stato visto a Palazzolo sull'Oglio). Il suo nome è Marco Turrini e, così come raccontato dalla madre alla trasmissione Rai Chi l'ha visto, il giovane avrebbe avuto uno "sbandamento" nella sua vita dopo la fine di una relazione amorosa. Il ragazzo sarebbe anche entrato in comunità, salvo poi scapparne una notte insieme ad altre due persone.

Le sue ricerche sono virate nelle ultime ore sul capoluogo scaligero, poiché proprio a Verona il 28 enne sarebbe stato fermato dalla polizia locale nei pressi di una baracca improvvisata in zona Giarol Grande. Del ragazzo si sono poi nuovamente perse le tracce e proprio ieri a mettersi all'opera sono stati i volontari della Ronda della Carità, i quali avrebbero anche appurato attraverso testimonianze che Marco potrebbe ancora essere in città

«Siamo usciti con i genitori di Marco che da più di un mese lo stanno cercando. Più persone, tra le senza dimora, confermano d'averlo incontrato a Verona anche recentemente», spiegano infatti in una breve nota i volontari della Ronda della Carità che poi esortano i cittadini a segnalare ogni eventuale elemento di novità in tal senso: «Se lo vedete, è un ragazzo molto alto, parla con un accento bresciano, avvicinatelo, parlateci assieme e chiamateci subito». Il ragazzo dovrebbe star ancora indossando un giaccone da montagna con righe colorate ed un berretto militare verde. Chi dovesse vederlo può mettersi in contatto con la Ronda della Carità a Verona.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Verona notte di ricerche per il 28 enne scomparso da un mese: «Aiutateci a trovarlo»

VeronaSera è in caricamento