rotate-mobile
Venerdì, 2 Dicembre 2022
Cronaca Centro storico / Lungadige Riva-Battello

Voleva buttarsi nell'Adige: giovane salvata in extremis dai carabinieri

Ad avvertire il 112 di quanto stava avvenendo in lungadige Riva Battello, a Verona, sono stati alcuni passanti: sul posto è dunque arrivata una pattuglia con due militari, che sono riusciti ad afferrare la 29enne, sfruttando un momento di distrazione

Era la serata di giovedì 25 aprile, quandi alcuni passanti hanno notato una donna seduta sul parapetto e rivolta verso il fiume in lungadige Riva Battello, a Verona. Comprendendo la situazione, hanno dunque lanciato l'allarme alla centrale operativa dei carabinieri, che ha immediatamente inviato sul posto una pattuglia della sezione Radiomobile. 

Non appena arrivati, i due militari si sono avvicinati alla giovane, che a quel punto ha minacciato di lasciarsi cadere nell'Adige, rigonfio d’acqua per le piogge di questi giorni. Gli uomini dell'Arma allora hanno finto di assecondarla e, approfittando di un momento di distrazione della donna, l’hanno afferrata per la vita, faticando non poco per portarla al sicuro sul ponte. 
La malcapitata, una casalinga 29enne nubile, affetta da un forte stato depressivo, è stata ricoverata presso il reparto di Psichiatria dell’ospedale Civile di Borgo Trento.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Voleva buttarsi nell'Adige: giovane salvata in extremis dai carabinieri

VeronaSera è in caricamento