menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Giornata mondiale contro l'Aids, Zaia: "Malattia ancora presente e pericolosa"

Lo scorso anno nel Mondo 120.000 bambini sotto i 14 anni sono morti per cause legate all'Aids e ogni ora 18 bambini sono colpiti da Hiv. In Veneto secondo quanto sostenuto dal Governatore Zaia "siamo protagonisti a tutti i livelli con campagne d'informazione"

Ricorre oggi, venerdì 1 dicembre, la Giornata mondiale contro l'Aids. Nel 2016, 120.000 bambini sotto i 14 anni sono morti per cause legate all'Aids e ogni ora 18 bambini sono colpiti da Hiv. Se questa tendenza dovesse persistere, nel 2030 sarebbero 3,5 milioni i nuovi casi di adolescenti colpiti da Hiv. Nel 2016 in Veneto sono circa 10.636 le persone con infezione da HIV; nell'anno si sono registrati 40 nuovi casi (dal 1988 sono stati 13.176). Il 77,4% dei malati di AIDS sono di sesso maschile; poco meno del 76% ha un’età compresa tra i 25 e i 44 anni. 

Sul tema è intervenuto il presidente della Regione del Veneto Luca Zaia, commentando la diffusione del Report Veneto annuale sull’Aids: «Da circa metà degli anni ’80 ad oggi l’Aids è diventata una patologia un po’ dimenticata, anche grazie ai progressi della medicina, che via via l’hanno avvicinata a caratteristiche di cronicità, con un notevole calo della mortalità. Ciò nonostante il Rapporto della nostra Direzione Prevenzione ci segnala una malattia ancora presente e pericolosa. Per questo la Regione del Veneto non l’ha né dimenticata né sottovalutata: la studia, la previene e la cura con tutta l’attenzione che merita da un sistema sanitario d’eccellenza come il nostro». 

«Siamo protagonisti a tutti i livelli - ha poi fatto notare Zaia - e proprio Il 27 ottobre scorso abbiamo sancito l’intesa in Conferenza Stato-Regioni del Piano nazionale di interventi contro HIV e AIDS - (PNAIDS) che prevede, tra l’altro campagne di informazione e formazione, l’impiego degli strumenti di prevenzione e di interventi finalizzati alla modifica dei comportamenti, la lotta contro la stigmatizzazione, l’estensione dell’uso di terapie efficaci, anche nella prevenzione, con conseguente ricaduta sulla riduzione delle nuove infezioni da HIV e il rispetto dei diritti delle popolazioni maggiormente esposte».

Sull'argomento è poi intervenuto anche l’Assessore alla Sanità Luca Coletto: «L’assistenza ai pazienti in Veneto – dice Coletto descrivendo la Rete - è affidata alle U.O.C. di Malattie Infettive, dislocate nei capoluoghi di provincia (Belluno, Padova, Rovigo, Treviso, Venezia-Mestre, Verona, Vicenza) e in tre altri centri locali (Santorso in provincia di Vicenza, Legnago e Negrar in provincia di Verona). In queste strutture ed in altre dislocate a livello territoriale è possibile sottoporsi al test per HIV in modo anonimo e gratuito e senza impegnativa del Medico di Medicina Generale, e, le persone con infezione possono ricevere le cure appropriate».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'ospedale di Negrar si aggiunge ai centri di vaccinazione anti-Covid

Politica

Da Verona parte la crociata contro Sanremo, Castagna: «È diventato Sodoma e Gomorra?»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento