rotate-mobile
Cronaca Zai / Via Belgio

Pastorello patteggia una pena di 18 mesi nel processo per il Crac Parmalat

L'ex presidente dell'Hellas Verona è stato condannato dal giudice ma la pena è stata sospesa: accolta quindi la tesi della Procura che lo vedeva implicato nel fallimento della società di Callisto Tanzi

Ha patteggiato una pena di una pena di un anno e sei mesi, poi sospesa grazie alla condizionale, a causa di tre capi d'accusa per concorso in bancarotta fraudolenta. 
Si tratta dell'ex presidente dell'Hellas Verona Giambattista Pastorello, coinvolto nel fallimento del Parma Calcio di Callisto Tanzi. Come riporta TgGialloblu, per la Procura Pastorello avrebbe intascato 16,7 milioni di euro per compravendite fittizie di giocatori, con i quali avrebbe ripianato il debito con le banche fatto per acquistrare la squadra. Questo portò Tanzi ad essere il vero proprietario del Verona, mentre Pastorello avrebbe svolto il ruolo di prestanome. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pastorello patteggia una pena di 18 mesi nel processo per il Crac Parmalat

VeronaSera è in caricamento