Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Cronaca Garda / Via Verona

Garda, stop alla musica dopo l'aggressione ma sui social network scatta la protesta

Il sindaco ha deciso di "inibire, con effetto immediato, il chiosco della possibilità di fare musica”, in seguito all'increscioso episodio avvenuto qualche giorno fa. Su Facebook in molti non sono d'accordo con tale decisione

Il sindaco Antonio Pasotti lo aveva dichiarato solo giovedì: “Nessuna tolleranza per chi disturba, per atti di violenza o vandalismo”. E venerdì, attraverso un’ordinanza, ha preso un primo provvedimento a tutela della quiete pubblica, nei confronti del chiosco “La Motta”. “Visto il perdurare di segnalazioni di disturbo – spiega il sindaco Pasotti – viste le numerose lamentele dei residenti e le diffide, con annessa relazione del comandante della Polizia locale, già recapitate, il Comune ha deciso di inibire, con effetto immediato, il chiosco della possibilità di fare musica”. Nell’ordinanza si legge che il Comune “inibisce lo svolgimento dell’attività accessoria di intrattenimenti musicali all’esterno presso il chiosco La Motta, con sede in Lungolago Europa, perché reca disturbo alla quiete pubblica e provoca assembramenti di persone in struttura inadeguata, con problemi di sicurezza”.
Il primo cittadino poi prosegue: “Questo è solo il primo intervento che abbiamo realizzato a tutela della quiete e della tranquillità di residenti e turisti. Nel caso si dovessero verificare altre situazioni simili siamo pronti ad intervenire allo stesso modo: non ci sarà tolleranza per chi non rispetta le regole”.

Un provvedimento che arriva dopo l'assurda aggressione avvenuta pochi giorni fa proprio a Garda e che sui social scatena la furia dei giovani veronesi. Sono in molti infatti a protestare fin da subito per una scelta che per colpire pochi danneggia tutti. "Io più che un paese d'élite, lo definirei un paese per vecchi" e ancora "Non è un paese per la musica. Condanno la rissa e la violenza, senza ombra di dubbio, ma questa ordinanza è follia", questi sono solo alcuni dei commenti che si posso leggere, che intendono sottolineare come musica e violenza non sia la stessa cosa. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Garda, stop alla musica dopo l'aggressione ma sui social network scatta la protesta

VeronaSera è in caricamento