menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(Foto Facebook)

(Foto Facebook)

Casaleone, furto nella chiesa di Venera. Trafugate delle reliquie religiose

Sfondata la teca che le conteneva. Sulla pagina Facebook della comunità pastorale: "Atto deplorevole. Chiunque abbia visto o sentito qualcosa è pregato di comunicarlo alla parrocchia"

È avvenuto un atto deplorevole nella chiesa di Venera. Un furto di reliquie religiose, sfondando la teca che le conteneva. Questo materiale non ha valore economico, ma grandissimo valore religioso. Chiunque abbia visto o sentito qualcosa è pregato di comunicarlo alla parrocchia.

Si legge questo in un post della pagina Facebook della Comunità Pastorale di Casaleone Sustinenza Venera. Il post è datato 4 novembre, sabato scorso, giorno in cui è avvenuto il furto. Tramite i social network si cerca di ottenere informazioni utili per risalire all'identità del ladro o dei ladri che hanno trafugato le reliquie contenute nella chiesa di Venera, frazione di Casaleone. Sul fatto stanno anche indagando i carabinieri.

Su Facebook è stata pubblicata anche la lista delle reliquie rubate:

Reliquia del Beato Clemente Marchisio, reliquia di San Gaspare Bertoni, reliquia del Beato Giuseppe Baldo, reliquia del Beato Giuseppe Nascinbeni e una teca di forma ovale contenente 6 reliquie certificate dal Vescovo di Verona Giuseppe Carraro in data 25/05/1960.

Tanta tristezza si legge nelle parole dei fedeli a commento del furto. E c'è chi propone una colletta per dotare la chiesa di un sistema di videosorveglianza, anche perché non è la prima sottrazione avvenuta ai danni della chiesa di Venera. In precedenza erano già sparite piante e anche dei candelabri.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento