Domenica, 17 Ottobre 2021
Cronaca Chievo / Via Puglie

Cerca di rubare in due appartamenti, arrestato 19 enne

Il giovane topo d'appartamento è finito in manette dopo essere stato sorpreso in camera da letto dalla padrona di casa. La donna ha urlato così forte da richiamare anche l'attenzione dei vicini

I carabinieri della Compagnia di Verona hanno arrestato un ragazzo di 19 anni, trovato in flagranza di reato, mentre stava perpetrando due furti in via Puglie. Il giovane sinto, nato a Trento, è stato sorpreso dagli uomini dell’Arma nell’abitazione di una 43 enne di Verona, dopo che pochi istanti prima si era introdotto in un altro appartamento di una donna originaria di Roveré Veronese.

Il 19enne, che prima dei due colpi falliti contava già all’attivo ben 16 denunce per furto, è stato sorpreso in camera da letto. All’arrivo dei carabinieri dell’aliquota radiomobile scaligera vi erano la proprietaria con la sorella e un vicino di casa occorso in aiuto delle due donne spaventatesi per i rumori provenienti dalla stanza. Una delle due sorelle, infatti, si era recata nella camera per prendere un cuscino e, trovandosi davanti al malvivente, ha urlato talmente forte da mettere in allarme anche i vicini.

I militari dell’Arma, giunti sul posto, hanno tratto in arresto il ragazzo e hanno anche accertato che, pochi istanti prima di penetrare nella casa delle due donne, il giovane si era introdotto in un altro appartamento, distante solo pochi metri. Il primo tentativo era fallito poiché l’uomo, dopo aver “visitato” la stanza da letto non aveva trovato quello cercava, lasciando aperti l’armadio e i cassetti in cui aveva rovistato senza successo. La proprietaria, 93 anni, infatti aveva nascosto gli euro a sua disposizione dentro il materasso, fuori dalla immediata portata del ladro. Il 19enne, dopo la convalida dell’arresto, è stato accompagnato dai carabinieri presso il carcere di Montorio.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cerca di rubare in due appartamenti, arrestato 19 enne

VeronaSera è in caricamento