Cronaca Borgo Venezia / Via Maria Callas

Furti di rame nel veronese. L'ultimo episodio ha colpito un ponte in Borgo Venezia

Non conosce crisi il mercato illegale del prezioso metallo che negli ultimi anni sembra espandersi sempre più. Verona non fa eccezione e, dopo il colpo al ponte sul Valpantena, si pensa all'impiego di materiali alternativi

Colpiscono di notte, indisturbati, e sempre con maggior frequenza: sono i ladri del rame. Binari ferroviari, cimiteri e strade, la nuova corsa all’oro rosso, così viene chiamato il prezioso metallo, non risparmia niente e nessuno. Con un valore di mercato che si aggira attorno agli 8 euro al chilo e la facile reperibilità, il rame è sempre più nel mirino di saccheggiatori e bande criminali su tutto il territorio nazionale. 

L’ultimo a farne le spese nel veronese è stato il ponticello sul torrente Valpantena, all’altezza di via Callas, in Borgo Venezia, il cui corrimano, su entrambi i lati, era rivestito di rame. Come riporta il quotidiano L'Arena, trovandosi in una zona poco frequentata nelle ore notturne, i malviventi hanno potuto agire in tutta tranquillità, lasciando scoperta la struttura in legno, ora esposta alle intemperie. “Ho già fatto presente il problema alle forze dell'ordine che però non possono fare molto”, annota Mauro Spada, presidente della sesta circoscrizione, “non possono essere presenti 24 ore su 24. Ormai poi è rimasto ben poco da rubare”. Spada prosegue auspicando un pronto intervento dei settori preposti del Comune affinché la staccionata venga messa in sicurezza, magari con un materiale di minor pregio che non attiri i ladri di rame”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Furti di rame nel veronese. L'ultimo episodio ha colpito un ponte in Borgo Venezia

VeronaSera è in caricamento