Furti nei negozi all'Adigeo: 23enne inseguito e poi arrestato dalla Polizia

Si era impossessato di circa 300 euro di capi di abbigliamento, ma l'addetto alla sicurezza di dell'ultimo esercizio saccheggiato lo ha notato e seguito, avvisando anche le forze dell'ordine

La centrale operativa della Polizia

Sono gli agenti della centrale operativa della Questura i primi ad entrare in contatto con i cittadini in difficoltà. E sono loro i primi a diramare la notizia di un reato che si sta verificando, ad indirizzare l’attività delle pattuglie. Il loro mestiere è quello di assumere, nel più breve tempo possibile, le informazioni necessarie per garantire un intervento celere ed efficace degli agenti su strada. Grazie all’encomiabile collaborazione tra i poliziotti della “sala radio” e quelli in Volante, anche mercoledì è stato possibile individuare il responsabile di alcuni furti commessi presso il centro commerciale “Adigeo”. L’uomo, finito in manette con l’accusa di rapina impropria, è un cittadino marocchino di 23 anni, già noto alle forze dell’ordine.

Erano circa le 16 quando il giovane è stato notato dall'addetto alla sicurezza dell'ultimo esercizio saccheggiato, che lo ha inseguito anche fuori dal centro commerciale e segnalato alla centrale operativa della Questura. I poliziotti hanno intercettato il 23enne nascosto dietro ad un cespuglio del parcheggio della “Glaxo”: nascondiglio che era riuscito a raggiungere dopo aver minacciato e lanciato una grossa pietra in direzione del sorvegliante che lo stava tallonando. Un tentativo di fuga non andato a buon fine, dunque, conclusosi con l’arresto del cittadino straniero e con il sequestro della refurtiva, nascosta  all’interno dello zaino che lo stesso portava con sé.

I successivi accertamenti effettuati dagli agenti e la visione delle registrazioni delle telecamere di videosorveglianza interne ed esterne ad Adigeo, hanno consentito di ricostruire la dinamica dei fatti e di imputare la responsabilità all’uomo che, con estrema destrezza, era riuscito ad impossessarsi di capi d’abbigliamento per un valore di circa 300 euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Giovedì mattina il giovane è comparso davanti al giudice che, dopo la convalida dell’arresto, in sede di direttissima, ha disposto la misura cautelare della custodia in carcere in attesa dell’udienza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arriva App di biosorveglianza targata Veneto e Luca Zaia annuncia un'«ordinanza innovativa»

  • Ingannato dalla chiamata de Numero Verde della Banca: rubati soldi dal conto corrente

  • Ristorante veronese: "Chiuso.. fino a sepoltura del nostro amatissimo Giuseppe Conte"

  • Nuova ordinanza a Verona contro il virus: le tre "aree" della città e tutti i divieti in vigore

  • Regioni contro il Dpcm, la lettera: «Chiusura ristoranti alle 23, cinema e palestre aperti»

  • Nuovo Dpcm, c'è la firma del premier Conte: stop servizio al tavolo nei locali dalle ore 18

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento