rotate-mobile
Giovedì, 27 Gennaio 2022
Cronaca San Zeno / Via Città di Nimes

Furti alle auto parcheggiate in via Città di Nimes, 60 colpi in 3 giorni: due arresti

Raffica di furti avvenuti nel parcheggio a pagamento cittadino. In altri parcheggi, sono stati arrestati due topi d'auto colti in flagrante

60 furti in tre giorni nel parcheggio a pagamento di via Città di Nimes, gestito da Amt e videosorvegliato. L'area è stata presa di mira da delinquenti che rubano dalle auto parcheggiate. Amt sta cercando con le forze dell'ordine di arginare il problema dell'area di parcheggio vicina alla Stazione Porta Nuova, ma sembra che i colpi siano stati messi a segno da un gruppo organizzato.

Nel frattempo, due ladri sono stati fermati in altre due parcheggi cittadini. Il primo è stato fermato a Porta Palio da quattro turisti tedeschi che l'hanno colto a rovistare nel bagagliaio della loro auto; dopo aver fatto finta di arrendersi, l'uomo è scappato ma i giovani turisti sono riusciti a bloccarlo, mentre chiamavano il 113. Si tratta di un ucraino di 26 anni, Aleksandr Pzynich, proveniente da un'ottima famiglia. Dopo essere entrato nel giro della droga, l'elenco di crimini a suo carico è cresciuto a dismisura. Nemmeno il programma di recupero l'ha salvato dalla dipendenza e ben presto è tornato a rubare per poi rivendere la refurtiva. Ora, il giovane dovrebbe restare in carcere fino al 21 luglio, giorno del processo.

Il secondo ladro è stato sorpreso nel parcheggio privato dell'Hotel San Pietro. Eri Bega, diciannovenne albanese, ha rotto i finestrini delle auto di due clienti, avvisati dal portiere dell'albergo. Mentre tentava di dileguarsi, il giovane è stato fermato da una pattuglia dei carabinieri. L'accusa per lui è di furto aggravato. Dopo l'udienza di convalida, Bega ha patteggiato 6 mesi e 400 euro di multa. Essendo incensurato, è stato rilasciato appena finito il processo.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Furti alle auto parcheggiate in via Città di Nimes, 60 colpi in 3 giorni: due arresti

VeronaSera è in caricamento