rotate-mobile
Cronaca Malcesine / Via Navene Vecchia

Funivia, un successo la stagione estiva e ora si prepara l'apertura invernale

Gli impianti hanno chiuso il 2 novembre, registrando in tutto 467.894 passeggeri, 22mila in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Adesso inizieranno i lavori di manutenzione, in modo da riaprire l'impianto entro Natale

Si è chiusa martedì la stagione estiva 2016 della funivia di Malcesine, che era cominciata domenica 20 marzo con la novità della prima Pasqua sugli sci per i veronesi che ha riscosso un grande successo

Come di consueto è iniziato il periodo di chiusura autunnale, necessario per la manutenzione, operazione basilare per la sicurezza dell’impianto e dei viaggiatori, che quest’anno durerà probabilmente di più, vista la scadenza della revisione straordinaria dopo i primi 15 anni di esercizio. Infatti, la riapertura invernale (che verrà stabilita con precisione dopo il sopralluogo dei tecnici dei prossini giorni) avverrà intorno al 20 dicembre.

Dal punto di vista dei flussi turistici, il 2016 è caratterizzato fin’ora da un incremento di viaggiatori del 5% rispetto all’anno precedente, con 467.894 passeggeri, conteggiati al 1 novembre 2016, rispetto a 450.232 presenze conteggiate al 31 dicembre 2015. A parità di periodo, al 1 novembre 2016, ci sono state oltre 22 mila presenze in più, frutto delle attività (culturali, sportive e di solidarietà) organizzate dalla Funivia sul Baldo dato che dal punto di vista meteorologico le giornate di bel tempo sono state in numero inferiore rispetto a quelle dell’anno precedente.

Il mese più affollato è stato agosto con 97.924 passaggi da Malcesime e oltre 100.000 da San Michele, ma è il dato di ottobre che dà il segnale più significativo. Con 43.214 viaggiatori si è avuto un aumento di ben 9.034 presenze rispetto allo stesso mese del 2015, frutto delle azioni di promozione della funivia che hanno inciso significativamente anche al di fuori del consueto mercato turistico balneare estivo. Le frequentazioni di ottobre sono infatti da attribuire a viaggiatori amanti della montagna e delle particolarità escursionistiche del Baldo sia italiani che internazionali, oltre che di appassionati locali.

La stagione estiva appena conclusa è stata caratterizzata anche da numerosi ammodernamenti strutturali avviati ad inizio anno per migliorare l’accoglienza delle persone. Nel 2016 è stata completamente climatizzata la stazione di partenza per rendere meno pesante l’attesa nei momenti di coda, è partita la vendita e prenotazione online che ha permesso di evitare la fila alla biglietteria, sono stati migliorate le vie di accesso alla biglietteria e i tornelli di accesso agli imbarchi, è stato completamente ristrutturato il rifugio di Prà Alpesina e, per la prima volta, sono stati stampati i dépliant anche in francese e spagnolo per soddisfare le esigenze di queste nuove provenienze. Si è conclusa la trasformazione in Smart Tecnology dell’intera struttura con Wifi free e Informazione di prossimità su tutte le stazioni.

La stagione 2016 è andata bene e siamo soddisfatti delle 22 mila presenze in più rispetto allo stesso periodo del 2015, sembrava un anno irraggiungibile perché caratterizzato dal tempo favorevole, ma anche quest’anno con il meteo incerto abbiamo inanellato record su record - ha detto Daniele Polato, presidente Funivia Malcesine -. Sono fermamente convito che le politiche promozionali intraprese con il cda sono state vincenti. Abbiamo ampliato il target dei visitatori rispetto al turismo balneare del lago di Garda. Con azioni sinergiche insieme a realtà economiche e commerciali del territorio, Fiera di Verona, aeroporto, Camera di Commercio e Consorzi turistici, la Funivia è riuscita a consolidare un ruolo importante di volano economico per tutta la provincia di Verona. La montagna veronese ha numerose attrattive per gli appassionati di escursioni al pari di altre destinazioni magari più note. Abbiamo lanciato questo concetto sia in Italia che all’estero e le presenze di ottobre, mese tradizionalmente non di ferie, ci danno ragione, segnando un significativo incremento degli appassionati dediti all’escursionismo montano. Il nostro prossimo passo sarà quello di aumentare i flussi nei periodi primaverili adottando iniziative di incoming, allargando quindi la stagionalità del nostro impianto. Nelle prossime settimane, invece, l’impegno che ci attende è quello della manutenzione straordinaria dei 15 anni, che faremo con grande attenzione perché la sicurezza del viaggio è al primo posto nelle nostre priorità. In conclusione a nome di tutto il Cda - chiude Polato -, voglio ringraziare tutti i collaboratori, utenti ed istituzioni per la professionalità dimostrata e l’attaccamento alla nostra azienda, sintomo di una partecipazione attiva ad una realtà di eccellenza, orgoglio veronese, veneto e italiano.

PRESIDENTE POLATO-2

Gallery

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Funivia, un successo la stagione estiva e ora si prepara l'apertura invernale

VeronaSera è in caricamento