Fumane, si perdono in Valsorda. Escursionisti salvati dal soccorso alpino

Erano in due e hanno rischiato di passare la vigilia di Pasqua nel bosco e al buio. Avevano perso l'orientamento e, nel tentativo di ritrovare il sentiero, uno dei due si è infortunato alla caviglia

(Foto di repertorio)

L'allarme al soccorso alpino di Verona è arrivato intorno alle 20.50 di ieri, 15 aprile. In Valsorda sopra Fumane, due escursionisti veronesi si erano persi. Le iniziali dei loro nomi sono M.P. e A.P., il primo è un 27enne di Illasi e il secondo è un 24enne di Verona.

I due hanno perso l'orientamento e tentato di ritrovare il percorso. Uno di loro ha però messo male il piede e, ormai buio, i due sono rimasti bloccati in un bosco ripido. Gli escursionisti hanno così chiamato il 118.

A quel punto è stato richiesto l'intervento del soccorso alpino veronese che è risalito all'esatta posizione dei due escursionisti grazie all'applicazione di geolocalizzazione della centrale operativa del soccorso alpino di Torino che ha fornito le coordinate gps. I soccorritori si sono divisi in squadre e in breve hanno individuato il luogo dove si trovavano i due, non distante dal ponte tibetano.

Una volta raggiunti gli escursionisti, gli uomini del soccorso alpino li hanno riportati sul sentiero e accompagnati in macchina fino all'ambulanza, sopraggiunta nel frattempo per verificare le condizioni del giovane dalla caviglia infortunata.

L'intervento si è concluso alle 23.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arriva il maltempo in Veneto, pioggia e neve: "Stato di attenzione" della protezione civile

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 17 al 19 gennaio 2020

  • Operaio morto sul lavoro a Legnago, assolto rappresentante dell'azienda

  • Persona investita da un'auto, trasportata d'urgenza in ospedale: è grave

  • Investimento sui binari: circolazione dei treni sospesa sulla Verona-Bologna

  • Braccato dai carabinieri per il tentato omicidio della fidanzata, si dà fuoco

Torna su
VeronaSera è in caricamento