menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bancarotta fraudolenta di una società: 153 auto sequestrate, 2 veronesi indagati

Le operazioni della Guardia di Finanza sono scattate martedì: secondo l'accusa avrebbero causato il dissesto dell’impresa compiendo atti di disposizione dei beni sociali, in particolare della quasi totalità del parco auto

Nella giornata di martedì 29 maggio sono scattati i sequestri da parte della Guardia di Finanza di Verona, come disposto dall'Autorità Giudiziaria scaligera, nell’ambito di un’articolata indagine in materia fallimentare a carico di un imprenditore, P.N.G., operante nel settore del noleggio e della compravendita di autovetture di lusso, e di una libera professionista, D.B., entrambi veronesi.

Secondo quanto appurato dalle Fiamme Gialle, gli indagati, in qualità rispettivamente di amministratore di diritto e amministratore di fatto della società di capitali, dichiarata fallita il 30 aprile 2018, hanno causato, o comunque concorso a causare, il dissesto dell’impresa compiendo atti di disposizione dei beni sociali, in particolare della quasi totalità del parco auto, in parte a favore di un’altra SRL, operante nel medesimo settore della prima e il cui amministratore unico era sempre P.N.G., in parte mediante la stipula di un contratto di affitto di ramo d’azienda con una società cooperativa, legalmente rappresentata da un soggetto risultato essere, a seguito delle indagini condotte dai finanzieri veronesi, un mero prestanome dei due.
Gli indagati inoltre avrebbero cercato di rendere impossibile la ricostruzione del patrimonio e del volume d’affari dell’azienda, sottraendo o comunque omettendo di tenere i libri e le altre scritture contabili che, pertanto, non sono state consegnate al curatore fallimentare.

Sulla base di questi risultati ottenuti dalle indagini condotte dalla Guardia di Finanza e coordinate dalla Procura della Repubblica, il Gip, condividendo la proposta del Pm, ha disposto il sequestro preventivo di 153 autovetture per un valore complessivo di circa 2 milioni di euro, ritenendo sussistente il pericolo di dispersione dei beni. 
Nel corso dell'esecuzione del provvedimento, sono state eseguite anche 7 perquisizioni presso le residenze e le dimore degli indagati, nonché le sedi delle società coinvolte, che hanno permesso di repire della documentazione utile al prosieguo dell'attività investigativa. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento