Viveva a Verona l'alpinista 41enne morto sulla Concarena, nel bresciano

Franz Rota Nodari era con la moglie. I due stavano cercando di raggiungere la cima del massiccio quando l'uomo ha perso l'equilibrio ed è caduto per diversi metri. L'impatto con le rocce non gli ha lasciato scampo

Franz Rota Nodari (Foto Facebook)

Era bargamasco ma viveva a Verona Franz Rota Nodari, l'alpinista 41enne morto ieri, 24 marzo, sul massiccio montuoso della Concarena, nel bresciano. Sui social network, il giorno prima, aveva condiviso una foto da Capo di Ponte, scrivendo: "Buona notte! (e speriamo sia buona ... sicuramente sarà lunga). Purtroppo è stata l'ultima. L'uomo è morto nella mattinata di sabato in una parete rocciosa molto conosciuta dagli scalatori, dietro il centro abitato di Ono San Piero, come scritto da BresciaToday.

Franz Rota Nodari era con la moglie. I due stavano cercando di raggiungere la cima del massiccio quando l'uomo ha perso l'equilibrio ed è caduto per diversi metri. L'impatto con le rocce non gli ha lasciato scampo. La donna ha chiamato i soccorritori che quando sono arrivati sul posto hanno solo potuto constatare il decesso.

Sulla dinamica dell'incidente indagano i carabinieri, mentre gli uomini del soccorso alpino, ieri, hanno recuperato la salma che con l'eliambulanza è giunta all'ospedale di Esine dove è stata allestita la camera mortuaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La vera storia di Santa Lucia, secondo la leggenda nata a Verona

  • Luca, Francesca e Chiara: i tre giovani morti nell'incidente di Bonavigo

  • Ha un nome il corpo trovato in A4: tocca alla Polstrada risolvere il giallo

  • "Strage di Santa Lucia" a Sommacampagna: il disastro aereo in località Poiane

  • Nasce il nuovo polo logistico del Gruppo Veronesi: 200 i lavoratori impiegati

  • Autovelox e telelaser, le strade di Verona controllate dalla polizia locale

Torna su
VeronaSera è in caricamento