menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I carabinieri di Peschiera del Garda

I carabinieri di Peschiera del Garda

Diffonde foto e video hot di lui con l'ex ragazza: 25enne finisce in manette

Il giovane è residente in provincia di Agrigento ma è stato arrestato a Peschiera del Garda dai carabinieri, dove si era trasferito da un paio di giorni per lavorare in un ristorante del lungolago

Nel pomeriggio di sabato 19 settembre sono scattate le manette per A.A., 25enne cittadino pakistano residente in provincia di Agrigento, fermato dai carabinieri del nucleo operativo e radiomobile di Peschiera del Garda, che hanno dato esecuzione ad un'ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari, emessa dal Tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto, in quanto il giovane avrebbe diffuso foto e video a luci rosse della sua ex ragazza. 

Erano circa le ore 17 quando la centrale operativa dei militari è stata informata dai colleghi agrigentini del nucleo operativo di Sciacca dell'ordinanza che pendeva su A.A. e che lo stesso si trovava nell'abitazione di un suo connazionale nel comune veronese, di cui però non conoscevano l'esatta collocazione. 
Nonostante gli esigui indizi sul domicilio, l'Arma di Peschiera è riuscita a rintracciare A.A., sfruttando la propria rete informativa sul territorio ed analizzando i dati emersi dall’interrogazione delle varie banche dati: il 25enne da due giorni si era trasferito nella casa di un connazionale situata nel centro storico, in quanto aveva trovato lavoro in un ristorante sul lungolago. 

Secondo gli investigatori, A.A. avrebbe diffuso con il cellulare, e in più occasioni, alcuni video e foto dal contenuto sessualmente esplicito che lo ritraevano insieme alla sua ormai ex fidanzata, una connazionale 20enne residente in Sicilia, senza il consenso di quest’ultima (il cosiddetto reato di "revenge porn"). La misura adottata dall’autorità giudiziaria messinese, informano i carabinieri, è mirata ad impedire che l’indagato possa diffondere ulteriormente tali immagini, dal momento che lo stesso avrebbe più volte ribadito che voleva rovinare la sua ex poiché questa aveva deciso di troncare la loro relazione

Dopo le operazioni, A.A. è stato accompagnato presso l’abitazione dove era stato rintracciato ed è stato collocato agli arresti domiciliari, a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento