Mercoledì, 29 Settembre 2021
Cronaca Centro storico / Piazza Brà

Tosi interviene in merito alla sentenza sul rapinatore della Repubblica Ceca

Secondo il sindaco di Verona sentenze come quella pronunciata ai danni di un 40enne della Repubblica Ceca che aveva tentato di rapinare un uomo in mezzo alla strada lo scorso 11 settembre, sarebbero "diseducative" e inefficaci

Il primo cittadino scaligero è intervenuto quest'oggi, venerdì 27 novembre, per esprimere tutto il suo disappunto circa la recente sentenza, giudicata troppo tenera, nei confronti di un rapinatore della Repubblica Ceca: "Sentenze come quella che ha condannato ad una pena (sospesa) di un anno e otto mesi, il quarantenne della Repubblica Ceca che l’11 settembre aveva seguito ed aggredito un uomo davanti al bar New Boomerang di via Magellano, per derubarlo dei 120 euro prelevati al bancomat, sono quantomeno diseducative e non scoraggiano certo a delinquere".

In questo senso il sindaco si è poi detto convinto che oggi più che mai si sia resa necessaria una riforma in materia di Codice Penale, in modo da rendere più severe le norme e aumentando così la sicurezza dei cittadini: "Sono proprio i reati considerati (chissà perché?) piccoli come i furti e le aggressioni che preoccupano maggiormente i cittadini, perché compiuti con sempre più frequenza da delinquenti che operano in maniera violenta e senza scrupoli, consapevoli che spesso o quasi sempre non pagheranno nessun conto alla giustizia e che la loro permanenza in carcere durerà, se ci sarà, comunque, molto poco. E' sempre più urgente che il Governo decreti e il Parlamento ratifichi una modifica che renda più severe le norme in materia del Codice Penale di cui è ormai evidente a tutti l’assoluta inefficacia per proteggere i cittadini".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tosi interviene in merito alla sentenza sul rapinatore della Repubblica Ceca

VeronaSera è in caricamento