menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Si finge carabiniere per vendere auto, ma viene arrestato da quelli veri

Durante un controllo della pattuglia di Bardolino ha detto di essere un collega di Verona, ma i militari non hanno abboccato e per il parrucchiere 30enne sono scattate le manette

Non aveva mai fatto parte dell'Arma, eppure un parrucchiere di 30 anni non ha esitato a presentarsi alla pattuglia dei carabinieri di Bardolino come un collega di Verona, finendo inevitabilmente nei guai. 

L'uomo, secondo quanto riferito dagli stessi militari, avrebbe cercato in questo modo di superare indenne il controllo cui è stato sottoposto martedì pomeriggio a Garda, proprio nel momento in cui era intento a vendere un’automobile cercando di carpire la fiducia dell'acquirente, presentandosi sempre come un carabiniere. Per rassicurare gli interessati ai veicoli che pubblicizzava sul suo profilo Facebook, aveva pubblicato una serie di foto ritraenti uomini in divisa, attribuendosi gradi, qualifiche e addirittura una specializzazione da Carabiniere subacqueo, come mostrava l'immagina di copertina del proprio profilo. 
I militari di Bardolino però non gli hanno creduto, soprattutto dopo che il 30enne non ha saputo indicare al capo pattuglia il nome del suo Comandante. Per lui quindi sono scattate le manette per tentata truffa, falsa dichiarazione sull’identità a Pubblico Ufficiale e usurpazione di titoli. Dopo una notte nella cella della compagnia di Peschiera del Garda, mercoledì mattina il parrucchiere è stato condotto al Tribunale di Verona per il rito direttissimo, con il giudice che ha convalidato l'arresto per poi condannarlo a sei mesi di reclusione, con pena sospesa. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento