menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Finanziaria, i sindaci snobbano la protesta

Finanziaria, i sindaci snobbano la protesta

Finanziaria, i sindaci snobbano la protesta

Latteggiamento generale di attesa nei riguardi di una posizione ufficiale di Anci Veneto

Anche i sindaci della provincia veronese sono orientati verso la protesta dell’Anci contro i tagli della manovra finanziaria. Ma con un atteggiamento di attesa. In forse la partecipazione dei nostri primi cittadini alla protesta in piazza prevista per il prossimo 23 giugno voluta dall’Associazione nazionale dei comuni italiani.

Il primo indeciso è proprio il sindaco Flavio Tosi: “Non ho ancora deciso se partecipare alla manifestazione - ha dichiarato -. Mi sono già espresso in merito a questo argomento”. Probabilmente Tosi ricorda le sue recenti dichiarazioni in cui esprimeva la sua preoccupazione per il rispetto del patto di stabilità: a tutti i comuni è chiesto di spendere meno e contenere i costi, ma in questa richiesta non è considerato il fatto che ci sono molte amministrazioni locali poco virtuose, che sprecano le proprie risorse. “Ai Comuni spreconi – diceva Tosi – basterà sprecare un po’ meno di quello che fanno, mentre Comuni come il nostro dovranno tirare la cinghia”.

Partecipare o non partecipare? Anche il sindaco di Villafranca Mario Faccioli deve ancora prendere posizione: “Se guardo al mio Comune, che è virtuoso, potrei anche lamentarmi, ma non ritengo che la piazza sia il luogo adeguato per il confronto. Bisogna aver fiducia nelle istituzioni, sono ben conscio del mio ruolo e credo che potrei dare un messaggio politico sbagliato se scendessi in piazza. Protestare solo per dire che siamo in difficoltà è inutile, già lo sanno e in molti si stanno già muovendo”.

Di parere concorde è anche la posizione di l'onorevole Alessandro Montagnoli, sindaco di Oppeano: “Siamo in una fase di lavori, non è ancora il momento della protesta. Soprattutto in questa fase delicata di discussione non serve a nulla. Come parlamentare della Lega ho presentato una serie di emendamenti affinchè si tenga conto dei comuni virtuosi, soprattutto per rispettare e valorizzare il lavoro di chi si comporta bene. Aggiungo inoltre che il pensiero di Anci nazionale non corrisponde necessariamente alle posizioni della sezione veneta”.


Anche Gianluigi Sordi, sindaco di Sommacampagna è in attesa di una dichiarazione ufficiale del presidente di Anci Veneto Giorgio Dal Negro, che ricopre attualmente anche l'incarico di sindaco di Negrar.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento