menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Finanzieri veronesi con l'eroina sequestrata

Finanzieri veronesi con l'eroina sequestrata

Finanza arresta fattorino della droga e sequestra 9 chili di eroina

L'arrestato è un cittadino incensurato di nazionalità albanese. In un garage, vicino al centro di Verona, aveva creato il suo laboratorio per confezionare le dosi che poi consegnava a domicilio

La guardia di finanza di Verona prosegue la sua azione di contrasto al traffico di stupefacenti. Nella serata di lunedì scorso, 7 dicembre, i finanzieri hanno sequestrato una gran quantità di eroina ed arrestato un cittadino incensurato di nazionalità albanese.

I Baschi Verdi scaligeri stavano monitorando gli spostamenti del sospettato da diversi giorni, osservando frequentazioni con personaggi già noti per vicende giudiziarie legate alla droga. Estremamente attento e guardingo negli spostamenti e pronto a cambiare frequentemente il mezzo di trasporto utilizzato, l'uomo poi arrestato aveva creato un sistema di consegne a domicilio di eroina. «Un autentico servizio di delivery dello spaccio che ha reso particolarmente difficoltose le attività di indagine», ha scritto la Finanza di Verona. Ma grazie ad una serie di perquisizioni personali e locali, i finanzieri hanno scoperto un garage, poco distante dal centro di Verona, trasformato in laboratorio di stoccaggio e lavorazione dello stupefacente. In quel locale sono stati trovati circa 9 chili di eroina già confezionati in panetti da mezzo chilo, 77 chili di sostanza da taglio e tutto l’occorrente per la lavorazione e il successivo confezionamento dell'eroina, tra cui una pressa, stampi in ferro battuto e martinetti idraulici, bilancini di precisione per la pesatura della sostanza, oltre a diverse migliaia di euro in contanti.
L'uomo è stato arresto per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. La droga, il denaro frutto dello spaccio (pari a 14mila euro) e l'autovettura utilizzata per le consegne sono stati sequestrati.

L'eroina sarebbe stata verosimilmente «tagliata al 60%», vale a dire che da ciascuno dei panetti da 500 grammi di sostanza pura sarebbero stati ricavati circa 1,5 chilogrammi di prodotto destinato ai consumatori finali. Il quantitativo di droga, qualora messa in commercio avrebbe consentito di confezionare circa 27mila dosi per un valore complessivo di vendita al dettaglio di oltre 700mila euro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Palestra in casa: gli attrezzi immancabili

  • social

    Epilessia: come fare attività fisica in sicurezza

  • social

    Ristorazione: i trend 2021 secondo TheFork 

  • social

    Un pizzico di cocktail: nasce il nuovo programma dedicato a dessert e cocktail

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento